×

Cugini investiti a Vittoria, il drammatico video dell’incidente

E' stato diffuso il drammatico video dell'incidente in cui due cuginetti di 11 e 12 anni sono stati travolti da un Suv lanciato a folle velocità

cugini investiti
cugini investiti

Stavano giocando con il cellulare davanti alla porta di casa. In quel frangente, inaspettatamente, la loro vita ha avuto un drammatico epilogo. Una Jeep Renegade sopraggiunta a folle velocità ha travolto due ragazzini di 11 e 12 anni. L’undicenne, Alessio D’Antonio, è morto sul colpo e suo cugino è stato ricoverato in condizioni disperate. L’auto ha tranciato le gambe di entrambi i ragazzini. Salvo un amico che si trovava in loro compagnia. Dei cugini investiti a Vittoria è stato diffuso il video che riprende i momenti appena successivi all’incidente, quando la macchina va a impattare su un marciapiede.

Cugini investiti, le immagini dell’incidente

Il pirata, che subito dopo l’incidente si è dato alla fuga a piedi, era a bordo insieme altre due persone. Sono proprio i due passeggeri ad aver testimoniato recandosi nella caserma dei carabinieri.

“Dopo l’incidente siamo scappati perché avevamo paura di esser linciati“. I due sono stati denunciati con l’accusa di omissione di soccorso.

cugini investiti

Giocavano davanti all’uscio di casa di un vicino. Il Suv guidato da un pregiudicato figlio di un boss è piombato contro i due cuginetti, uccidendo sul colpo Antonio e lasciando Alessio in fin di vita. “Ha ucciso mio figlio sotto i miei occhi”, sono le strazianti parole del padre. I genitori sono sconvolti e non si danno pace. Il pirata era ubriaco e ha poi confessato di aver fatto uso di cocaina. Nelle immagini riprese da una telecamera della zona si vede chiaramente la Jeep Renegade di color scuro fiondarsi contro il marciapiede.

cugini investiti

Scende dall’auto e comincia a camminare nervosamente. Gli altri 3 passeggeri del Suv, pregiudicati a loro volta, fuggono dalla zona. Il 37enne alla guida si è persino avvicinato alla madre del piccolo Antonio, prestandole il telefono per contattare i soccorsi. “Solo ora ho saputo che quell’uomo è l’assassino di mio figlio”, dice in lacrime la mamma di Antonio. I genitori dell’altro bambino sono accorsi immediatamente, la madre ha subito riconosciuto (e indicato con un dito) Greco, che qualcuno ha spintonato. Ma la priorità resta salvare i cuginetti: all’arrivo del personale del 118, Greco esce dal raggio della telecamera, allontanandosi. Solo poco più tardi verrà rintracciato e fermato dalla Squadra mobile di Ragusa e gli agenti di Vittoria. Omicidio stradale aggravato è l’accusa. Intanto i genitori urlano giustizia e ripetono: “L’assassino deve marcire in galera. Mio figlio è sotto terra e nessuno me lo potrà restituire”.

cugini investiti

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Asia Angaroni

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche