Incidente a Scicli, mamma travolta e uccisa mentre butta la spazzatura
Cronaca

Incidente a Scicli, mamma travolta e uccisa mentre butta la spazzatura

Incidente Scicli
Incidente Scicli

La donna è stata investita mentre buttava la spazzatura alla fine del turno di lavoro: lascia un bimbo di pochi mesi.

È morta sul colpo la giovane mamma travolta e uccisa in un incidente a Scicli, in provincia di Ragusa. La vittima si chiamava Martina Aprile e, oltre a essere una “mamma a tempo pieno” (lo si apprende dal suo profilo Facebook) lavorava come cameriera in un ristorante. Intorno alle 2 di notte si trovava in via della Pace a Cava d’Aliga, frazione balneare del Comune siciliano. Insieme a un collega, stava buttando la spazzatura sul rettilineo quando è stata investita da un’auto che ha ferito, non gravemente, anche l’uomo che era con lei.

Incidente a Scicli

I soccorritori del 118, accorsi tempestivamente, non hanno potuto fare altro che dichiarare il decesso della giovane madre, che lascia un figlio di pochi mesi. Il collega è stato invece trasferito in ospedale per ricevere le cure del caso. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti gli agenti del nucleo radiomobile di Modica e della tenenza di Scicli.

Al volante della Lancia Y10 che li ha travolti c’era un 41enne residente a Scicli, risultato positivo alla cocaina.

L’uomo è stato arrestato dalle forze dell’ordine.

Incidente a Vittoria, morti due bambini

Nelle stesse ore, la provincia di Ragusa piange anche la morte dei piccoli Alessio e Simone, i cugini di 12 e 11 anni che hanno perso la vita a Vittoria dopo essere stati travolti dal Suv guidato da Rosario Greco. Il primo è morto sul colpo, mentre per il secondo il decesso è sopraggiunto a due giorni dall’incidente. Simone era ricoverato al Policlinico di Messina, dove è stato sottoposto a un’operazione di amputazione delle gambe, gravemente lesionate nell’impatto. Ma ogni tentativo di salvargli la vita da parte dei medici del reparto di Rianimazione si è rivelato inutile.

Il responsabile è stato arrestato con l’accusa di omicidio stradale (aggravato dall’uso di alcol e droga) e porto d’armi atte a offendere. L’udienza di convalida in carcere è prevista per lunedì 15 luglio.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Classe 1994, nata e cresciuta in provincia di Monza e Brianza. Dopo il diploma di liceo classico mi sono laureata a pieni voti in "Lettere moderne" presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ho conseguito la laurea magistrale in "Lettere moderne", con 110 e lode, presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il mio percorso accademico, mi sono avvicinata al mondo del giornalismo attraverso il team di Notizie.it, passando da un iniziale stage curriculare a una collaborazione, fino a entrare a far parte della redazione. Ho collaborato con la rivista cartacea Viaggiare con gusto per la pubblicazione dell’articolo Viaggio in Puglia, nell’aprile 2019.