Arrestati rapinatori che si travestivano da Ruggero dei Soliti Idioti
Cronaca

Arrestati rapinatori che si travestivano da Ruggero dei Soliti Idioti

soliti idioti
soliti idioti

I due rapinatori si mascheravano da Ruggero De Ceglie dei Soliti Idioti per effettuare i loro colpi in tabaccherie e hotel: sono stati arrestati.

Pistola e taglierino erano le loro armi per attaccare hotel e tabaccherie di Torino. Due rapinatori mascherati da Ruggero De Ceglie de i “Soliti Idioti” sono finiti nel mirino dei carabinieri dopo aver effettuato diversi colpi in varie zone del capoluogo piemontese. La loro tecnica era infallibile, fino a quando alcune telecamere non li hanno ripresi con le mani nel sacco. Infatti, la coppia di ladri è ricercata da mesi e finalmente la polizia e i carabinieri sono riusciti a fermarli. Ora i due di trovano nel carcere torinese con le accuse di verse rapine. Vediamo chi sono i due ladri mascherati da Soliti Idioti.

I rapinatori mascherati da Soliti Idioti

Il piano d’attacco era sempre lo stesso, ma ormai non funziona più. Marco Dvorscheg, 58 anni, e il complice Francesco Macrì, 48 anni, sono stati arrestati. I due rapinatori, per effettuare i loro colpi presso tabaccherie e hotel, si travestivano da Ruggero De Ceglie de i “Soliti Idioti”.

Dopo aver fatto irruzione e aver rapinato diverse zone di Torino, però, i due ladri i fuga sono stati incastrati dalle immagini delle telecamere di sicurezza. Lo scorso 21 dicembre, i due complici erano stati messi in fuga dalle urla del proprietario dell’hotel Miramonti in piazza Derna e costretti a ritirarsi a mani vuote. I carabinieri della stazione di Falchera li hanno finalmente trovati e arrestati: ora si trovano in carcere a Torino con l’accusa di diverse rapine.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Classe 1998, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società" con un grande sogno nel cassetto: costruire una carriera internazionale e un nome nel giornalismo politico. Amante dei viaggi e curiosa rispetto ai fatti di attualità, insegue con determinazione il suo obbiettivo.