Incidente Cerignola: Alessandro si sveglia dal coma
Cronaca

Incidente Cerignola: Alessandro si sveglia dal coma

incidente cerignola

Resta invece in rianimazione uno dei ragazzini ricoverato in condizioni gravi e per il quale non è stata ancora sciolta la prognosi.

Si sveglia dal coma uno dei ragazzi coinvolti nell’incidente avvenuto a Cerignola, in provincia di Foggia. L’episodio, accaduto nella serata di sabato 13 luglio, ha visto un auto travolgere sei ragazzini d’età compresa tra i 12 e i 13 anni: gravi due di loro. Alessandro, uno dei travolti, sarebbe ora fuori pericolo.

Alessandro si è svegliato dal coma

Cerignola tira un sospiro di sollievo. Da sabato 13 luglio la città è col fiato sospeso per via dell’incidente che ha coinvolto sei ragazzini in via Tiro a Segno, nei pressi dello Sporting Club. In quella che è chiamata la “strada dello strike” o “il circuito”, Alessandro e i suoi amici sono stati letteralmente travolti dall’auto: i sei ragazzini, d’età compresa tra i 12 e i 13 anni, sono rimasti feriti riportando ematomi diffusi in tutto il corpo – due di loro sono stati trasportati in condizioni gravi all’ospedale di San Giovanni Rotondo. Ora Alessandro si è svegliato dal coma ed è fuori pericolo. Antonio Grillo, suo allenatore e istruttore della Soccer Accademy Cerignola, ha postato una foto dal letto dell’ospedale accanto al ragazzo, con la maglia numero 7 indossata dal giovane: “Alessandro si è svegliato e sta bene! Ha un po’ di fratture ma si rimetterà presto per fortuna.

Continuiamo a pregare per tutti i ragazzi coinvolti! Dio fa che tornino tutti a casa”, ha scritto sotto il post. Il pensiero di Grillo va a tutti gli altri ragazzini coinvolti, salvi e fuori pericolo, ad eccezione di uno dei sei tutt’ora ricoverato in rianimazione in prognosi riservata.

incidente cerignola alessandro

L’incidente di sabato

A causare l’incidente un giovane di 25 anni alla guida di una Fiat Punto che, nella serata di sabato, avrebbe travolto i sei intorno alle 21.30. Il ragazzo, dopo aver immediatamente allertato i soccorsi, ha dichiarato alla polizia di non essersi accorto dei giovani a causa della scarsa visibilità della strada, poco illuminata.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lavinia Nocelli
Lavinia Nocelli, classe '94, marchigianamente di Senigallia. Arrivata per la prima volta a Milano nel 2013, ho studiato all'Accademia di Belle Arti di Brera. La mia tesi mi ha portato in Albania, dove ho realizzato un docufilm sulle nuove mete d'emigrazione Italiana, documentando la situazione a Tirana, la capitale. Nel mentre un docufilm in veste di aiuto registra con Francesca La Mantia, "La memoria che resta". Poi il fotoreportage nella "jungle" di Calais, Francia, il campo profughi da cui oltre 10000 rifugiati cercavano di passare i confini per arrivare nel Regno Unito. E i due anni a Parigi, all'Ecole Supérieur de Journalisme, dove ho seguito da vicino le manifestazioni dei Gilet Gialli. Fotogiornalista per Waamoz, scrivo tra Roma e Milano, dove collaboro con Notizie.it. Leggo per passione, scrivo per dovere: scambiate le frasi e aggiungete negativi in bianco e nero. E tanti chilometri in mezzo, percorsi e immaginati.