Camera ardente Borrelli: Di Pietro in lacrime davanti al feretro
Cronaca

Camera ardente Borrelli: Di Pietro in lacrime davanti al feretro

antonio di pietro borrelli
antonio di pietro borrelli

L'ex pm del pool di Mani pulite Antonio Di Pietro si è rimesso la toga e si è commosso accanto al feretro del suo ex capo.

Alla Camera ardente per Francesco Saverio Borrelli, a Milano, ha partecipato anche Antonio Di Pietro, l’ex pm del pool di “Mani Pulite”. Davanti al feretro, però, non è riuscito a trattenere le lacrime e ha reso omaggio al suo capo. Poi, con gesto di estremo rispetto e cordoglio si è rivolto ai familiari, li ha salutati e infine ha stretto la mano ai compagni Francesco Greco e Gherardo Colombo. Antonio Di Pietro si è presentato di fronte al feretro indossando la toga e si è soffermato davanti alla bara come hanno fatto gli altri magistrati.

Camera ardente Borrelli, Di Pietro in lacrime

Presso il Tribunale di Milano si è svolta la Camera ardente per Francesco Saverio Borrelli, morto lo scorso sabato. Grande partecipazione da parte di toghe milanesi, avvocati e magistrati; tutti al termine della camera hanno applaudito. Presente anche Antonio Di Pietro, accompagnato dalla moglie e dal figlio. L’ex pm del pool di “Mani Pulite” e fondatore dell’Idv si è presentato indossando una toga; inoltre, dopo essersi fermato qualche minuto davanti alla bara di Borrelli, ha abbracciato il compagno Francesco Greco.

Ha poi salutato con il baciamano la moglie Maria Laura e i figli Federica e Andrea. Con gli occhi pieni di lacrime e visibilmente commossi, Di Pietro si è intrattenuto con Gherardo Colombo e Greco. Infine, prima di uscire dal Tribunale milanese ha salutato anche Alberti Nobili, a capo del Pool antiterrorismo della Procura. Al termine non ha lasciato alcuna dichiarazione ai giornalisti; anzi, è uscito dalla porta secondaria.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Classe 1998, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società" con un grande sogno nel cassetto: costruire una carriera internazionale e un nome nel giornalismo politico. Amante dei viaggi e curiosa rispetto ai fatti di attualità, insegue con determinazione il suo obbiettivo.