Carabiniere ucciso stanotte a Roma: le volanti della polizia a sirene spiegate
Cronaca

Carabiniere ucciso stanotte a Roma: le volanti della polizia a sirene spiegate

carabiniere accoltellato roma

Carabiniere ucciso stanotte a Roma dal ladro che stava tentando di arrestare. Nella tarda mattinata fermati quattro sospetti.

Carabiniere ucciso stanotte a Roma dal ladro che stava tentando di fermare. Così è morto il Vicebrigadiere Mario Rega Cerciello. L’episodio è avvenuto in via Prati, in pieno centro città. L’uomo è stato colpito dai due malviventi mentre tentava di trarli in arresto. Nonostante il rapido intervento dei soccorsi, per l’uomo non c’è stato nulla da fare. Nella tarda mattinata le forze dell’ordine hanno fermato due uomini sospetti in un parcheggio e li hanno accompagnati in caserma. I due saranno ascoltati dai militari, ma al momento non sono in stato di fermo.

Le volanti della Polizia a sirene spiegate

Per solidarietà nei confronti dell’amico e collega ucciso a Roma stanotte, un gruppo di poliziotti, davanti al Comando generale dei Carabinieri ha deciso di lasciare le sirene delle volanti spiegate. Gesto ripreso e condiviso sull’account Twitter dell’Arma dei carabinieri: “Volanti della Polizia di stato, a sirene spiegate, davanti al Comando Generale dei carabinieri, per solidarietà all’Arma che oggi perde uno dei suoi uomini.

Un momento pieno di emozione che ci sembra giusto condividere, ringraziando i colleghi della Polizia per il gesto”.

Carabiniere ucciso stanotte a Roma

Stando a quanto ricostruito, una donna, dopo essere stata borseggiata avrebbe provato a richiamare il proprio numero di cellulare nel tentativo di recuperare i documenti e le chiavi di casa. Al telefono hanno però risposto i due ladri che le hanno dato appuntamento con l’intenzione di estorcerle altro denaro. Arrivata sul luogo, però, la vittima non si è presentata da sola, ma accompagnata dai Carabinieri. Una volta iniziato lo scambio, i militari sono intervenuti per arrestare i malviventi, ma questi ultimi hanno reagito. Ne è scaturita una grave colluttazione e nel tentare la fuga, uno dei due ladri ha estratto un coltello.

Ucciso Mario Rega Cerciello

Il vicebrigadiere è stato ucciso nella notte, colpito più volte dai malviventi, e a seguito dei numerosi fendenti si è accasciato a terra. Un altro collega, anch’egli ferito, si è subito prodigato per soccorrerlo in attesa dell’arrivo del 118, ma la situazione è apparsa da subito grave.

Trasportato al Santo Spirito, è morto poco dopo il ricovero. Stando a quanto ricostruito, sarebbero 7 i colpi ricevuti, uno dei quali vicino al cuore.

L’identikit dell’assassino

È caccia all’assassino di Mario Rega Cerciello, il carabiniere ucciso stanotte a Roma. Le ricerche non si fermano, e i militari stanno cercando due nordafricani, altri circa 1.80, magri. Uno di loro indossa una felpa nera, e un altro una felpa viola. Uno dei due, stano a quanto riferiscono i Carabinieri, avrebbe i capelli mesciati.

Le reazioni della politica

Alla notizia della morte del vicebrigadiere, anche il mondo della politica ha espresso il proprio cordoglio. In particolare Salvini, Di Maio e molti altri esponenti non hanno trattenuto la rabbia per una morte così ingiusta.

Salvini: “Lavori forzati”

Lavori forzati a vita” promette il ministro dell’Interno per i due nordafricani che attualmente sono ricercati per omicidio. “Caccia all’uomo a Roma per fermare il ba…..o che stanotte ha ucciso un carabiniere a coltellate.

Sono sicuro che lo prenderanno e che pagherà fino in fondo la sua violenza“.

Di Maio: “Dolore per lo Stato”

Nella notte, a Roma, un giovane vice brigadiere dei Carabinieri è stato ucciso a coltellate da un rapinatore. Aveva solo 34 anni. Il mio abbraccio alla famiglia del militare e a tutta l’Arma. È un momento di grande dolore per lo Stato” ha scritto il vicepremier sul proprio profilo Twitter.

Trenta: “Tolleranza zero”

Intervenuta sulla vicenda anche il ministro della Difesa Elisabetta Trenta. Su Twitter ha scritto: “Carabiniere accoltellato a morte a Roma durante lo svolgimento del servizio. Mi stringo in un forte abbraccio alla moglie e alla mamma del Vicebrigadiere Mario Cerciello Rega e all’Arma dei Carabinieri e chiedo tolleranza zero per i delinquenti autori del vile atto“.

Conte: “Li assicureremo alla giustizia”

Su Twitter, anche il premier Conte ha espresso il proprio pensiero sulla morte di Mario Rega Cerciello: “La sua morte è una profonda ferita per lo Stato. Faremo il massimo per assicurare i responsabili alla giustizia“.

Meloni: “Bestie indegne”

Carabiniere di 35 anni ammazzato a coltellate a pochi passi dal Vaticano – ha twittato la leader di Fratelli d’Italia -. Provo rabbia e tristezza, l’Italia non può essere punto di approdo di certe bestie. Vicinanza alla famiglia e ai Carabinieri, spero questi animali vengano presi e marciscano in galera“.

L’allarme di Virginia Raggi

Per quanto riguarda la mia Polizia Locale, cerchiamo di presidiare il territorio in ogni modo. Ma dobbiamo essere molto concreti: a Roma Capitale mancano ancora 2000 agenti e forse non saranno nemmeno sufficienti – ha detto la sindaca di Roma -. Abbiamo necessità di aumentare le forse di polizia. Non ci occupiamo di sicurezza, ma facciamo anche questo, dando supporto a tutte le forze dell’ordine. I numeri che ci restituisce la questura non parlano di assenza di sicurezza in questa città, poi fatti come questo ci gettano nel baratro“.

Il commento di Saviano

Roberto Saviano, ha deciso di commentare l’episodio del carabiniere ucciso a Roma attraverso la sua pagina Facebook. Le parole dello scrittore napoletano hanno mosso più di una polemica sul web. Sono infatti numerosi i commenti dispregiativi apparsi sotto il suo post: “La morte di Mario Cerciello Rega è già territorio saccheggiato dalla peggiore propaganda. La morte di un Carabiniere in servizio non può essere usata come orrido strumento politico contro i migranti. Delinquenti politici che, per allontanare da sé i sospetti sui crimini commessi, non esitano a usare i più deboli tra voi, e i più esasperati, per alimentare sentimenti razzisti che non hanno ragione di esistere. Quando la camorra uccide, non è pensabile incolpare tutti i campani… Mi rendo conto che non è semplice, ma sta a noi comprendere la reale situazione criminale del nostro Paese e difendere il sacrificio di un uomo, di un Carabiniere caduto mentre agiva rispettando il giuramento prestato alle leggi democratiche del suo Paese”.

Le parole della moglie

All’uscita della camera mortuaria del Santo Spirito a Roma, è stata intravista la moglie del carabiniere ucciso. La donna visibilmente sotto choc e con il volto intriso di lacrime, si è lasciata andare ad un commento straziante: “Me lo hanno ammazzato“.

Oltre alla moglie di Mario Rega Cerciello, fuori dalla camera mortuaria erano presenti almeno 100 persone tra amici e parenti del carabiniere.

Parla la madre della bimba salvata dal carabiniere

Diversi anni fa, Mario Rega Cerciello ricevette un encomio per aver salvato e trasportato una bimba all’Ospedale Bambino Gesù. Sulla vicenda della morte del carabiniere si è espressa anche la madre della bimba: “Mario era un ragazzo estremamente disponibile, lo conoscevo da tanto tempo. Mi aveva accompagnato con la sua macchina all’ospedale ed era rimasto con me tutta la notte. Io gli dicevo sempre che era un uomo di altri tempi”.

Il cavallo di ritorno

Il cavallo di ritorno è una tecnica illegale estremamente diffusa nel nostro Paese. Consiste in soldi, in cambio della restituzione della merce rubata. Il truffatore si mette in contatto con la vittima proponendogli uno scambio. Per questo motivo, Mario Rega Cerciello stava intervenendo nel suo quartiere a Roma.

Chi era il carabiniere ucciso

Mario Rega Cerciello, è stato ucciso stanotte a Roma, da un ladro che stava cercando di arrestare. Aveva 34 anni ed era sposato da poco più di un mese. Su sul suo profilo Facebook sono pubblicate le foto che lo ritraggono felice e sorridente insieme alla moglie nel giorno del matrimonio. In Alta uniforme mostra orgoglioso la fede al dito. Il 13 giugno scorso aveva infatti coronato il suo amore con la compagna, Rosa Maria. Aveva festeggiato il compleanno da pochi giorni e la sua morte ha lasciato tutti sgomenti, parenti e amici.

carabiniere accoltellato roma
© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Antonella Ferrari
Classe 1995, lodigiana di nascita, grande appassionata di danza, sport e viaggi. Laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano, coltiva da sempre l’interesse per il giornalismo. Dopo aver svolto uno stage nella redazione di un quotidiano locale, da ottobre 2018 collabora con Entire Digital Publishing in qualità di redattrice per Notizie.it.