Santa Chiara di Brescia saluta Nadia Toffa: la camera ardente
Cronaca

Santa Chiara di Brescia saluta Nadia Toffa: la camera ardente

nadia toffa funerali
nadia toffa funerali

I funerali di Nadia Toffa si terranno nella cattedrale di Brescia venerdì 16 agosto alle ore 16. A celebrarli sarà Padre Maurizio Patriciello.

Il teatro di Santa Chiara di Brescia ha accolto la camera ardente di Nadia Toffa a partire dalle ore 12 di oggi, martedì 13 agosto 2019. La conduttrice e inviata per Le Iene era nata 40 anni fa proprio a Brescia. In mattinata, inoltre, è stata diffusa la notizia della sua morte. La “guerriera”, così come tutti la ricordano, si trovava in una clinica dove era ricoverata a causa dell’aggravarsi del suo tumore. I funerali di Nadia Toffa infine, si terranno venerdì 16 agosto presso la cattedrale di Brescia.

Nadia Toffa, il ricordo del sindaco

Anche il sindaco della città di Brescia, Emilio Del Bono, si unisce al cordoglio sui social. Da Facebook scrive: “Nadia Toffa ha lasciato questa terra, proteggerà la sua famiglia, i suoi cari, i suoi amici e la sua città, a cui ha voluto bene, dall’Alto…”. Dopo i due vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini, dopo Matteo Renzi e Nicola Zingaretti, Mentana e Toti, tocca infine al parroco Padre Maurizio Patriciello (simbolo della Terra dei Fuochi).”Nadia ha voluto che fossi io a celebrare il suo funerale.

Mi costa molto, ma vado a Brescia volentieri e con grande riconoscenza. Partirò nel pomeriggio di Ferragosto per trovarmi in chiesa alle 10,30 del 16 agosto. Ho il dovere di portarle tutto l’affetto e la gratitudine degli abitanti della Terra dei fuochi”.

Il personaggio dell’anno

Nadia Toffa aveva vinto, lo scorso anno a Brescia, il premio per il personaggio dell’anno. La manifestazione viene organizzata ogni anno dal Museo nazionale della fotografia in occasione della festa di San Faustino. La conduttrice aveva accolto così la vittoria: “Io prendo la mia vita così e da bresciana combatto le mie battaglie a viso aperto. Sono una persona così, solare, piena di energia e non trovo niente di cui vergonarmi nel parlare del tumore. Spero di riuscire a trasmettere la mia forza anche agli altri. Le donne sono forti e sono ben felice si sentano rappresentate da me”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Classe 1998, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società" con un grande sogno nel cassetto: costruire una carriera internazionale e un nome nel giornalismo politico. Amante dei viaggi e curiosa rispetto ai fatti di attualità, insegue con determinazione il suo obbiettivo.