Insulti a Nadia Toffa: “Diceva che al cancro si sopravvive lottando”
Cronaca

Insulti a Nadia Toffa: “Diceva che al cancro si sopravvive lottando”

nadia toffa
nadia toffa

Alcuni leoni da tastiera attaccano: "Al cancro non si sopravvive... chi sopravvive non ha avuto un cancro ma qualche ciste e qualche ombra".

Nadia Toffa ha sempre ricevuto insulti sui social per i suoi comportamenti, il suo modo essere, forse anche per invidia. Era una donna schietta, senza peli sulla lingua: forse è stato questo a fregarla. Ma lei continuava la sua vita a testa alta, pubblicando sui social le immagini che documentavano la dura lotta contro la malattia. Riceveva tantissimi like e commenti di sostegno, ma ovviamente non mancavano le critiche. Dopo la sua morte, avvenuta la mattina di martedì 13 agosto, gli haters sono tornati all’attacco. Vediamo cosa sta accadendo sui social in queste ore.

Nadia Toffa, gli insulti degli haters

La morte di Nadia Toffa è la notizia principale che balza sui quotidiani di oggi, martedì 13 agosto. Dal web, però, impazzano anche gli insulti dei cosiddetti leoni da tastiera, che approfittano di ogni situazione per attaccare la conduttrice. Ad esempio, un utente scrive: “Al cancro non si sopravvive… chi sopravvive non ha avuto un cancro ma qualche ciste e qualche ombra”.

commenti

Altri commenti, invece, riguardano la professione di Nadia, il giornalismo: “Dispiace molto, come ogni volta che se ne va una giovane… Di certo era una giornalista scadente“.

commenti

Infine, un ultimo attacco: “Non ho mai seguito assiduamente Le Iene – scrive un utente – ma solo a sufficienza da sapere che la maggior parte di ciò che dicono è falso o montato“. Poi prosegue: “Di Nadia Toffa sento parlare come se fosse una santa (…) Sono sicuro che sia stato un esempio per molti, che abbia avuto grande coraggio e determinazione. Ma perché tutto questo affetto e amore?”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Classe 1998, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società" con un grande sogno nel cassetto: costruire una carriera internazionale e un nome nel giornalismo politico. Amante dei viaggi e curiosa rispetto ai fatti di attualità, insegue con determinazione il suo obbiettivo.