Nadia Toffa, Barbara D’Urso: “Ti saluto come facevi tu: ciao TesorA”
Cronaca

Nadia Toffa, Barbara D’Urso: “Ti saluto come facevi tu: ciao TesorA”

Anche Barbara D'Urso si unisce al dolore per la scomparsa di Nadia Toffa dedicandole una poesia di Alda Merini.

Anche Barbara D’Urso si unisce ai tantissimi personaggi dello spettacolo che hanno manifestato il proprio dolore dopo aver appreso la notizia della morte di Nadia Toffa. La famosa conduttrice di Canale 5 ha deciso di pubblicare sui social network un messaggio che l’ex Iena le aveva scritto qualche mese fa.

Il messaggio di Barbara D’Urso

Mi incazzavo sempre quando quegli stupidi cretini ti attaccavano ma tu mi dicevi: ‘Dai amica facciamoci una risata insieme’ (anche se so che ci stavi male). E poi quando venivi nel mio camerino ridendo, sempre ridendo, con quel cappello a falde larghe che dovevano nascondere anche se non te ne fregava niente di nascondere. E poi mille altre cose. Oggi sono triste. Ti saluto come mi salutavi tu: Ciao TesorA. E con la poesia che mi hai mandato qualche mese fa”.

La poesia a cui fa riferimento Barbara D’Urso è un famosissimo componimento di Alda Merini, che la conduttrice di Pomeriggio Cinque ha deciso di condividere con i suoi follower:

“Sei bella. E non per quel filo di trucco. Sei bella per quanta vita ti è passata addosso, per i sogni che hai dentro e che non conosco. Bella per tutte le volte che toccava a te, ma avanti il prossimo. Per le parole spese invano e per quelle cercate lontano. Per ogni lacrima scesa e per quelle nascoste di notte al chiaro di luna complice. Per il sorriso che provi, le attenzioni che non trovi, per le emozioni che senti e la speranza che inventi. Sei bella semplicemente, come un fiore raccolto in fretta, come un dono inaspettato, come uno sguardo rubato o un abbraccio sentito. Sei bella e non importa che il mondo sappia, sei bella davvero, ma solo per chi ti sa guardare”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Fabio Rossi
Fabio Rossi, varesotto classe 95. Cresciuto con un pallone sottobraccio, un grande amore per lo sport a cui affianca una passione per cinema e musica.