×

Senzatetto bruciato a Verona, l’uomo e morto dopo due mesi in ospedale

Il senzatetto di origine romena Vasile Todirean è morto due mesi dopo essere stato picchiato e bruciato vivo da tre uomini a Villafranca di Verona.

senzatetto-bruciato-verona

Purtroppo non ce l’ha fatta il 42enne Vasile Todirean, il senzatetto romeno picchiato e bruciato vivo lo scorso 8 luglio alla stazione ferroviaria di Villafranca di Verona. L’uomo è infatti morto nella giornata del 18 settembre, dopo oltre due mesi di agonia passati su un letto di ospedale. Al momento dunque, per i tre uomini attualmente indagati il capo d’accusa diventerà più pesante anche se bisognerà ancora attendere l’autopsia sul corpo del senzatetto, prevista per giovedì 19.

Morto senzatetto bruciato a Verona

Vasile Todirean venne trovato in fin di vita durante la mattinata dell’8 luglio scorso, dopo essere stato selvaggiamente picchiato e in seguito bruciato vivo da tre uomini senza apparente motivo. Dei tre aggressori, che vivevano tutti nella zona della stazione di Villafranca, due – un italiano ed un altro romeno, anch’essi senzatetto – sono attualmente in carcere mentre il terzo – un veronese – si trova agli arresti domiciliari.

Per i tre i capi d’imputazione potrebbero a questo punto passare da tentato omicidio a omicidio con l’aggravante dei futili motivi.

Rimane infatti ancora da chiarire la motivazione che ha spinto gli uomini a picchiare Todirean, si ipotizza possa trattarsi di un piccolo screzio tra senzatetto come una sigaretta negata.

L’agonia di Vasile

Come riportato dal quotidiano L’Arena, Vasile Todirean venne soccorso solo molte ore dopo il brutale pestaggio subito. Venne infatti notato da alcuni passanti a causa del suo rantolare e una volta avvicinatisi si resero subito conto delle drammatiche condizioni in cui versava. L’uomo, ricoperto di insetti e con numerosi traumi e gravi ustioni, fu subito trasportato all’ospedale Magalini di Villafranca, per poi venire definitivamente ricoverato presso il Centro Ustioni dell’ospedale di Borgo Trento, dove è rimasto fino alla morte sopraggiunta nella giornata di mercoledì.


Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Caricamento...

Leggi anche