×

Picchia la compagna e le rompe il naso per impedirle di usare il telefono

L'uomo l'ha aggredita in casa per impedirle di utilizzare il cellulare e scrivere ad altri uomini: accusato di lesioni aggravate e continue.

picchia la compagna torino
picchia la compagna torino

Picchia la compagna fino a procurarle una frattura al setto nasale: per questo e altri episodi analoghi un agricoltore 39enne di Burolo, in provincia di Torino, è stato arrestato e dovrà rispondere dell’accusa di lesioni aggravate e continuate. La donna ha denunciato i ripetuti maltrattamenti subiti al termine dell’ennesima lite.

Picchia la compagna: naso fratturato

A lanciare l’allarme sono stati alcuni vicini di casa. Quando i Carabinieri hanno raggiunto l’appartamento che la coppia condivideva a Burolo, hanno sorpreso l’uomo pronto a fuggire, già sulla porta di casa e con la valigia pronta. La donna è stata immediatamente accompagnata in ospedale, dove i medici le hanno diagnosticato una frattura del setto nasale e lividi sul volto e sulle braccia.

La donna ha sporto denuncia ai Carabinieri della compagnia di Strambino: “Non l’ho mai fatto prima, ma ora non ce la faccio più”.

L’agricoltore l’avrebbe picchiata per impedirle di usare il telefono e di scambiare messaggi con altri uomini. Agli agenti che hanno raccolto la sua testimonianza ha raccontato: “È diventato geloso in un modo morboso. Mi ha visto usare il telefono, me lo ha strappato di mano e mi ha preso per i capelli”. Il Tribunale di Torino ha stabilito l’obbligo di dimora in un altro Comune per l’uomo, in attesa di ulteriori indagini.

Vende le figlie in cambio di denaro

Nelle stesse ore, un uomo di origine bosniaca è stato arrestato a Pisa con l’accusa di aver venduto le due figlie promettendole in matrimonio a due cugini in cambio di denaro. Quando l’uomo ha scoperto che le ragazze (una delle quali è appena maggiorenne) si erano fidanzate con uomini diversi da quelli da lui scelti, le ha picchiate e segregate in casa. L’uomo è stato arrestato sulla base delle norme introdotte dal Codice Rosso.

Dovrà rispondere dell’accusa di induzione al matrimonio.


Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:
Lisa Pendezza

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.

Caricamento...

Leggi anche