×

Condannato a 13 anni il gioielliere di Nicolosi che uccise due banditi

Condividi su Facebook

La Corte d'Assise di Catania ha condannato il gioielliere di Nicolosi a 13 anni: l'uomo aveva ucciso due banditi in fuga il 18 febbraio 2008.

gioielliere nicolosi
gioielliere nicolosi

Guido Gianni, il gioielliere di Nicolosi di 57 anni, uccise due banditi in fuga il 18 febbraio 2018: la corte di Assise di Catania lo ha condannato a 13 anni. Da quanto si apprende, inoltre, l’uomo è accusato di duplice omicidio e di tentativo di omicidio. Nel febbraio del 2018, infatti, uccise due rapinatori in fuga dopo il colpo nella sua gioielleria e ne ferì un terzo. I malviventi avevano fatto incursione nell’attività commerciale minacciando di uccidere la moglie con una pistola che poi si rivelò falsa. I pm avevano chiesto per Gianni 17 anni di reclusione.


Nicolosi, condannato il gioielliere

Erano le ore 19 circa quando avvenne la rapina nel lontano 18 febbraio 2018. Nella gioielleria c’era Mariangela, la moglie di Guido, che pensando avessero suonato dei clienti aveva deciso di aprire la porta blindata del negozio.

Dietro a un ragazzo senza copertura sul volto, però, sono apparsi improvvisamente i due malviventi con passamontagna azzurro e pistola (finta). Dopo aver minacciato la donna, i ladri hanno chiesto la consegna dei gioielli e dei soldi. Dal retro della bottega, però, è intervenuto il gioielliere di Nicolosi che con una pistola 9×21 (detenuta legalmente) ha sparato un paio di colpi in aria per intimidire i malviventi.

Tuttavia la situazione è precipitata e in banditi hanno minacciato di uccidere Mariangela. A questo punto è iniziata una colluttazione con il 57enne uscito nel frattempo dalla bottega. Infine, mentre i ladri si stavano dando alla fuga, Guido avrebbe sparato alle loro spalle uccidendo due ventunenni (Davide Laudani e Sebastiano Catania) e ferendo il terzo malvivente (Fabio Pappalardo).

La Corte di Assise di Catania ha chiesto per l’uomo 13 anni di reclusione con le accuse di tentato omicidio e duplice omicidio.

La reazione di Matteo Salvini

Il leader del Carroccio, Matteo Salvini, ha commentato su Twitter la vicenda del gioielliere di Nicolosi.

Il leghista sostiene da sempre la legittime difesa e sui social scrive: “Vergogna! La ‘giustizia’ italiana condanna alla galera il commerciante aggredito, con la moglie minacciata di morte… Io sto con chi si difende, sempre”.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche