×

Disabile torturato per divertimento: arrestati tre giovani a Cosenza

Condividi su Facebook

I Carabinieri di Cosenza hanno arrestato tre giovani di 19, 20 e 26 anni per aver torturato un disabile per puro divertimento.

disabile torturato divertimento
disabile torturato divertimento

Tre ragazzi di 19, 20 e 26 anni sono stati arrestati con l’accusa di aver torturato un disabile per puro divertimento dopo essersi introdotti nella sua abitazione contro la sua volontà. È accaduto a Corigliano Calabro, in provincia di Cosenza.

Nei confronti dei giovani (che si trovano attualmente ai domiciliari) è stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare da parte dei Carabinieri.

Disabile torturato per divertimento

Secondo quanto emerso dalle prime indagini, sarebbero almeno due gli episodi di violenza perpetrati dai ragazzi. I reati contestati ai tre giovani sono tortura aggravata, violazione di domicilio e interferenze illecite nella vita privata della vittima – le cui generalità restano al momento ignote. Si tratterebbe di un uomo con disabilità psicofisica non meglio precisata.

I ragazzi, secondo l’accisa, lo avrebbero prima schernito a parole e poi aggredito fisicamente con schiaffi e percosse. Le violenze sono state immortalate dagli stessi giovani con i cellulari, che hanno poi condiviso il video sui propri profili Instagram.

Fondamentale per la ricostruzione dell’accaduto è stata la testimonianza di un 19enne, arrestato la settimana precedente con le stesse accuse. Sarebbe stato proprio il giovane a fornire agli inquirenti i nomi dei complici e a confermare che l’uomo è stato torturato per puro divertimento.

Un caso che ricorda il tragico episodio registrato lo scorso aprile a Manduria, in provincia di Taranto. Allora, il 66enne Antonio Stano è stato picchiato a morte da una gang formata da otto giovanissimi (di cui sei minorenni).

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.


Contatti:
10 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Karen Oropeza
16 Dicembre 2019 14:10

Scusate ma invece di dare CITADINANZE AIUTO A GENTE CHE SI PUO PAGSRE UNA BADANTE …PERCHE NO DATE AIUTO A QUESTA POVERA GENTE CHE VERAMENTE A BISOGNO DI ESSERE PROTETTO . E QUESTI DELIQUENTI DOVETE PORTARE IN PIAZZA E ROMPERE A BOTTI TUTTE LE OSES CHE HANNO

Laura
16 Dicembre 2019 17:47
Risponde a  Karen Oropeza

Hai ragione è una vergogna

chriss
18 Dicembre 2019 19:27
Risponde a  Karen Oropeza

impara a scrivere e poi fare dei commenti !

Mimma
19 Dicembre 2019 07:08
Risponde a  chriss

Perché offende? La persona che ha commentato è straniera!!!
Quello che manca a noi italiani è garbo e tolleranza!
Buon Natale.

Michela
21 Dicembre 2019 10:03
Risponde a  chriss

Sì, ci sono errori, è vero. Ma a lei manca il rispetto e la buona educazione.

Carmelita
11 Gennaio 2020 21:34
Risponde a  Michela

Cache lui é come loro razzista se fa commenti scemi su una persona straniera che ve male

Mauro
22 Dicembre 2019 00:12
Risponde a  chriss

Indubbiamente lei dovrà e potrà imparare a scrivere correttamente in italiano ma tu nel fare un commento del genere in un simile contesto la maturità intellettiva non la potrai raggiungere MAI !!!!

Angela
16 Dicembre 2019 14:25

Mi sbaglio ma gli altri sono tutti a casa….vergogna!

Ale
10 Gennaio 2020 08:50
Risponde a  Angela

Si tutti a casa!!!

Silvano tartarini
17 Dicembre 2019 15:36

Su questi fatti mi mancano le parole. Bisogna uscire da questa cultura di violenza. Subito.


Contatti:
Lisa Pendezza

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.