×

Ragazzo morto a Capodanno ad Ascoli Piceno: aveva 26 anni

Condividi su Facebook

Tragedia ad Ascoli Piceno: un ragazzo di soli 26 anni, Valerio Amatizi, è morto nel tentativo di spegnere un incendio.

ragazzo morto capodanno

Tragico incidente durante i festeggiamenti di Capodanno ad Ascoli Piceno. Un ragazzo di soli 26 anni, Valerio Amatizi, è morto a seguito di una caduta a Colle San Marco. In base ad una prima ricostruzione, il giovane avrebbe cercato di spegnere un incendio innescato da alcuni fuochi d’artificio. Per cause ancora da accertare, il 26enne avrebbe perso l’equilibrio, precipitando in una zona impervia.

Sul posto sono immediatamente intervenuti i soccorsi del 118 e i Vigili del Fuoco, allarmati dalle persone che erano insieme alla vittima. Purtroppo, ogni tentativo di salvare la vita a Valerio si è rivelato inutile. Il giovane si trovava in arresto cardiaco e intorno all’1.50 i medici ne hanno dichiarato il decesso.

Ragazzo morto a Capodanno ad Ascoli Piceno

Valerio Amatizi si trovava con alcuni amici per festeggiare l’inizio del nuovo anno.

Per cercare di evitare il propagarsi di un incendio iniziato nelle sterpaglie, è precipitato nella zona impervia del Dito del Diavolo facendo un volo di 50 metri. Gli amici hanno dato subito l’allarme ma i Vigili del Fuoco hanno faticato parecchio prima di raggiungerlo. Per Valerio non c’era più niente da fare.

Feriti a Capodanno in Italia

Quello di Ascoli Piceno non è stato l’unico incidente avvenuto durante i festeggiamenti per il 2020. Un 23enne e un 14enne, hanno entrambi perso la mano (in due circostanze diverse) a causa delle gravi ferite riportate nell’esplosione di petardi. Gli episodi si sono verificati a Milano.

A Roma, invece, sono 13 i feriti, tra cui quattro bambini tra i 5 e i 12 anni. Il ferito più grave è un 36enne che stava festeggiando in piazza a Frascati, ai Castelli romani: un grosso petardo gli è esploso in una mano ferendolo pesantemente.

La Questura di Napoli ha fatto sapere che sono 48 i feriti accertati durante i festeggiamenti ma nessuno di loro sarebbe in gravi condizioni. Quarantasei sono stati feriti da petardi, due da arma lanciarazzi. Risultano coinvolti anche tre minorenni.

A Caserta, una ragazza di 19 anni è ricoverata in codice rosso dopo essere stata colpita da un proiettile vagante all’addome mentre era affacciata al balcone della sua abitazione. Sono 10 le persone rimaste ferite in provincia di Salerno. Fortunatamente, anche qui, nessuno si troverebbe in gravi condizioni tanto che sono già stati tutti dimessi dai vari ospedali. Tra di loro vi era anche una minorenne.

Grave incidente anche a Cerreto Laghi, sull’Appennino Reggiano dove un 19enne è rimasto ferito a un occhio dall’esplosione di un fuoco d’artificio.

Infine, a Bari, una parte del controsoffitto di una sala dell’hotel Excelsior ha ceduto mentre era in corso il veglione di Capodanno, causando sei feriti.

Nato a Magenta (MI), classe 1984, è laureato magistrale in Teoria e Metodi per la Comunicazione presso l'Università Statale di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per ChiliTV, That's All Trends e Ultima Voce.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Alberto Pastori

Nato a Magenta (MI), classe 1984, è laureato magistrale in Teoria e Metodi per la Comunicazione presso l'Università Statale di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per ChiliTV, That's All Trends e Ultima Voce.

Leggi anche