×

Psicosi coronavirus in una scuola a Rovigo: due fratellini in quarantena

Condividi su Facebook

Scatta la psicosi coronavirus a Rovigo, dove due fratellini cinesi sono stati messi in quarantena in una scuola perché tornati da poco dalla Cina.

coronavirus rovigo
coronavirus rovigo

Paura in una scuola a Rovigo causata dalla psicosi del coronavirus: due fratellini di origini cinesi sono stati posti in quarantena. I bimbi, infatti, sarebbero tornati da poche settimane da un viaggio in Cina e i genitori degli altri alunni temono un contagio.

Così, si sarebbero rivolti al dirigente scolastico prima e al sindaco poi affinché i bambini vengano allontanati dall’istituto. Tuttavia, come ha precisato l’Usl, “non c’è alcun rischio”.

Coronavirus a Rovigo

Il coronavirus partito da Wuhan sta generando una psicosi anche in Italia: l’ultimo caso è stato registrato a Rovigo. Nella scuola elementare di Castelguglielmo, infatti, due fratellini cinesi sono stati allontanati dall’istituto perché tornati da poco dalla Cina.

I bimbi, rispettivamente di seconda e di quinta elementare, si erano recati nella loro città natale, Canda, insieme alla famiglia. Il rientro sui banchi era previsto per mercoledì, ma i genitori degli altri bambini temono siano stati contagiati dal virus cinese. Perciò si sono rivolti al dirigente scolastico per denunciare il fatto e poi al sindaco del paesino. Nonostante le rassicurazione dell’Usl, che ritiene non esista alcun rischio (i bimbi non hanno presentano alcun sintomo), i genitori rimangono comunque preoccupati.

“A scuola non li vogliamo”, lamentano.

La situazione

“I bambini – ha dichiarato il sindaco di Canda, Alessandro Berta – sono arrivati nel nostro Paese da una decina di giorni e stanno benissimo“. Per questo motivo, rassicura il primo cittadino, “non c’è ragione di preoccuparsi“. Gli stessi toni provengono anche da Antonio Compostella, il direttore generale dell’Usl 5 Polesana. “Il virus – ha spiegato il direttore – ha un’incubazione stimata tra i dieci e i dodici giorni.

I due piccolini sono rientrati in Italia proprio da quel lasso di tempo e non hanno mostrato nemmeno un sintomo sospetto“.

Le parole del dirigente scolastico

Il preside della scuola elementare di Castelguglielmo, Amos Golinelli, è intervenuto in seguito ai fatti spiegando che “alcuni genitori si sono lamentati”. Tuttavia, “non abbiamo alcuna norma o circolare che ci autorizzi a bloccare l’ingresso dei due bambini, pertanto attendiamo l’esito del percorso attivato dall’azienda sanitaria”.

“Gli alunni della seconda elementare — ha raccontato ancora il preside — hanno preparato una serie di regalini per il loro compagno”. “In ogni modo – ha poi concluso il dirigente -, insieme ai genitori è stato concordato un ultimo controllo, fugando definitivamente qualsiasi dubbio”.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.