×

Coronavirus, i passeggeri della nave da crociera sbarcano a Civitavecchia

Condividi su Facebook

A causa di un caso sospetto di coronavirus, una nave da crociera era rimasta bloccata a Civitavecchia: è iniziato lo sbarco per i passeggeri.

coronavirus nave da crociera civitavecchia
coronavirus nave da crociera civitavecchia

Caso sospetto di coronavirus a bordo di una nave da crociera, la quale è stata bloccata al porto di Civitavecchia. Secondo le prime indiscrezioni, una donna proveniente da Hong Kong e in viaggio insieme al marito presenterebbe sintomi che fanno pensare alla patologia che sta mettendo in ginocchio la zona di Wuhan. I due coniugi sono stati trasferiti all’ospedale Spallanzani della capitale per essere sottoposti alle analisi del caso. Nella serata del 30 gennaio è iniziato lo sbarco dei primi passeggeri che prosegue anche nella mattinata del 31 gennaio.

Coronavirus, iniziato sbarco nave da crociera

Per la giornata di giovedì 30 gennaio lo sbarco dei passeggeri a bordo della Costa Smeralda era stato negato. Secondo quanto si apprende da fonti interne alla nave, la Guardia Costiera ha dato il via libera alla discesa di ospiti ed equipaggio, ma il sindaco si sarebbe opposto in attesa di conoscere i risultati dei test sui due turisti cinesi.

Il comandante ha, nel frattempo, invitato i passeggeri a tornare nelle proprie cabine in attesa di ulteriori sviluppi.

Nella mattinata del 31 gennaio, però, è iniziato lo sbarco dei 1143 passeggeri: sono in arrivo a Civitavecchia decine di pullman per il trasferimento dei croceristi. “A bordo c’è stata la massima tranquillità e hanno gestito le cose bene – ha raccontato Filippo Rossi, un uomo di Monterotondo, in provincia di Roma -. C’è stata però preoccupazione anche perché si sono rincorse tante voci fino all’ultimo e le informazioni le avevamo solo da fuori. Menomale che è andato tutto bene”. La nave, da quanto si apprende, riprenderà il suo viaggio alle ore 18 del 31 gennaio.

I risultati dei primi test

Sarebbero negativi i primi test effettuati sui due turisti cinesi messi in isolamento a bordo della nave.

La testimonianza di una passeggera

Abbiamo raggiunto telefonicamente Carla, una dei passeggeri sulla crociera, per farci raccontare la situazione a bordo.La donna fa sapere che i passeggeri hanno poche informazioni sulla condizione dei due turisti provenienti da Hong Kong e hanno difficoltà a mettersi in comunicazione con l’esterno.

“I coniugi cinesi avrebbero viaggiato, secondo quanto ci hanno raccontato, con un gruppo di 200 passeggeri provenienti da Wuhan”, spiega Carla.

polizia crociera civitavecchia

“Alle 8.30 di stamattina era previsto lo sbarco da Civitavecchia. Alle 8.45 il comandante ci ha avvisato che era necessario aspettare per permettere dei controlli sanitari a bordo. Il tempo è passato ma lo sbarco non c’è stato”, continua la donna. “All’inizio non si è capito il motivo, poi si è sparsa la notizia e siamo venuti a sapere dai giornali quello che sta succedendo. Sulla nave sono saliti dei sanitari dall’ospedale Spallanzani di Roma, insieme a Vigili, Guardia Costiera e Polizia”. I medici, dopo aver effettuato i test, sono scesi, mentre i turisti sono ancora a bordo.

passeggeri a bordo crociera

I due turisti cinesi si trovano attualmente “ricoveraste in ospedale al terzo piano della nave. I due hanno accusato febbre già dal giorno precedente e per questo il capitano ha allertato l’ufficiale sanitario del porto. Naturalmente la gente ha iniziato ad agitarsi, finché il comandante non ha avvisato che sono in corso controlli sanitari. Non è stato un messaggio allarmante, ma il fatto che sia stato lo stesso comandante – e non, come di solito, il direttore di crociera – fa pensare che sia un caso piuttosto serio. Hanno sospeso tutte le escursioni di oggi a Roma, così come quelle di domani in Liguria, in attesa dell’esito degli esami. Ora le persone non possono né entrare né uscire. È stato annullato anche l’imbarco di nuovi passeggeri previsto per mezzogiorno. Noi, nel frattempo, restiamo in attesa di saperne di più”.

Coronavirus, casi sospetti su nave da crociera

Continuano i casi di contagio. Dall’inizio dell’epidemia si contano 170 morti. Solo nella giornata di mercoledì 29 gennaio il governo cinese ha parlato di 1.700 casi, più di mille dei quali solo nella provincia focolaio dell’infezione. Paura anche in Giappone, dove il coronavirus ha colpito tre dei 206 passeggeri evacuati da Wuhan.

In altri 20 stati si contano almeno 70 contagi. Controlli in Giappone, Germania, Taiwan e Vietnam, dove sono stati registrati i primi casi. Altri due contagiati in India e nelle Filippine, dove una donna cinese di 35 anni è risultata positiva al test. È dal 25 gennaio che la 35enne si trova ricoverata in isolamento. Attualmente non presenta sintomi della malattia.

Il personale della Capitaneria di porto, protetto da mascherine, è intervenuto per eseguire i dovuti controlli. La procedura è scattata in seguito alla segnalazione di due turisti cinesi. La donna avrebbe febbre alta e problemi respiratori. Lei e il marito provengono da Hong Kong. Attualmente si trovano in Italia per trascorrere un periodo di vacanza. Sono atterrati a Malpensa lo scorso 25 gennaio e poi imbarcati a Savona per la crociera. Allertata la Sanità marittima, affinché si svolgano accertamenti. Per il presunto contagio è stato necessario anche l’intervento dei medici dello Spallanzani, che hanno eseguito i test.

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Asia Angaroni

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche