×

Coronavirus, il Ministero della Salute: “Ci arrivano chiamate folli”

Condividi su Facebook

Sono centinaia le chiamate ricevute dal Ministero della Salute in merito al coronavirus: molteplici quelle folli e che denotano ingoranza in merito.

coronavirus chiamate ministero salute

Prosegue il dilagare dell’epidemia coronavirus e della psicosi collettiva annessa: dopo episodi di razzismo, come dimostrato dal video di insulti a turisti cinesi a Firenze, la paura -spesso infondata- collettiva ha inondato di chiamate il Ministero della Salute.

Coronavirus: le chiamate al ministero della salute

Con l’arrivo del coronavirus in Europa, l’Italia ha adottato le adeguate precauzioni, tra cui un numero di telefono gratuito, il 1500, già adottato nel 2003 durante la Sars. Il numero ha la funzione di fare una prima e superficiale diagnosi per chi presenti i sintomi del virus e di rispondere alle domande più frequenti sulla malattia.

Domande che, come si apprende dal Ministero, raggiungono spesso un livello di follia.

Come quelle in cui si chiede se si possa contrarre il virus indossando magliette made in China. O se possedere un serpente in casa possa far contrarre il morbo ai padroni. Le chiamate hanno avuto un’impennata clamorosa dopo la conferenza del premier Conte. Basti pensare che tra il 27 e il 29 gennaio sono state smistate circa 1600 telefonate, mentre 1200 ne sono arrivate solo nelle ultime 24 ore.

Coronavirus: il murales contro l’ignoranza

A mettere un freno alla psicosi generale ci ha pensato la street artist Laika, autrice di un murales “contro il virus dell’ignoranza“. Come si legge nella vignetta a fianco all’immagine di una ragazza con tuta e mascherina, “c’è in giro un’epidemia di ignoranza…dobbiamo proteggerci. In mano la ragazza ha una scodella di riso e un cartello con la scritta #JeNeSuisPaSunVirus”.

Teatro dell’apparizione dell’opera è via Principe Amedeo, all’ingresso del mercato coperto di Piazza Vittorio, a Roma.

Nata a Voghera, il 08/09/1996, è laureata in Comunicazione, Innovazione e Multimedialità (CIM) presso l’Università di Pavia. Collabora con Gilt Magazine e ha lavorato presso SkyTG24.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Alessandra Tropiano

Nata a Voghera, il 08/09/1996, è laureata in Comunicazione, Innovazione e Multimedialità (CIM) presso l’Università di Pavia. Collabora con Gilt Magazine e ha lavorato presso SkyTG24.

Leggi anche

Contents.media