×

Famiglia di Codogno aggredita in vacanza: è psicosi coronavirus

Condividi su Facebook

Una famiglia originaria di Codogno è stata aggredita in vacanza a Vione, accusata di diffondere l'infezione.

Coronavirus, famiglia di Codogno aggredita in vacanza
Coronavirus, famiglia di Codogno aggredita in vacanza

Una famiglia originaria di Codogno, il Paese del maggiore focolaio dell’epidemia dovuta al Coronavirus, è stata aggredita in vacanza a Vione. Il tutto è avvenuto proprio sulle famose piste da sci. La famiglia si trovava nella nota meta turistica ancora prima dell’ordinanza di isolamento per i Comuni della “zona rossa”. Tutti i componenti sono stati presi di mira da altri sciatori e turisti, proprio perché originari di Codogno.

Coronavirus, famiglia di Codogno aggredita

L’aggressione, vile, frutto della paura ma anche dell’ignoranza, è andata in scena, come già accennato, sulle piste da sci della Valle Camonica. Un gruppo di facinorosi ha accusato la famiglia di essere “infetta” dal Cornavirus. Dopo gli insulti, il padre ha reagito provocando altre parole di troppo e qualche spintone. In seguito al triste episodio sono state immediatamente allertate le Forze dell’Ordine, che sono giunte sul posto per portare la calma e placare gli animi.

La famiglia in questione, padre madre e due figli, è arrivata in valle da Codogno prima del “blocco” conseguente all’ordinanza.

Nessuno di loro risulta presentare sintomi riconducibili al Coronavirus o neppure alla più banale influenza. Si è trattato di una folle e insensata “caccia all’untore”. Una caccia barbara, senza logica e che riporta a tempi molto lontani.


Primi casi di Coronavirus in Trentino

Intanto l’emergenza si allarga anche in Trentino. Una donna, originaria proprio di Codogno, è risultata positiva ai test. In questi giorni soggiornava con la famiglia a Dimaro, in Trentino, nella Val di Sole. Dopo essersi sentita male, ha allertato le autorità sanitarie. Lunedì 24 febbraio è arrivata la conferma: positiva al Covid-19. Subito è stata trasferita in Lombardia, per mezzo di un’ambulanza speciale.

Nato il 18 luglio del 1990, vive a Cassina de' Pecchi. Si è laureato in Storia per seguire la propria voglia di conoscere il passato, ho iniziato l'attività giornalistica per analizzare il presente e le sue innumerevoli contraddizioni. Collabora con Metropolis Notizie e Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Mattia Pirola

Nato il 18 luglio del 1990, vive a Cassina de' Pecchi. Si è laureato in Storia per seguire la propria voglia di conoscere il passato, ho iniziato l'attività giornalistica per analizzare il presente e le sue innumerevoli contraddizioni. Collabora con Metropolis Notizie e Notizie.it.

Leggi anche