×

Coronavirus, nella notte assalto ai distributori di sigarette

Nella notte in molti hanno presso d'assalto i distributori di sigarette, ma i tabacchi non chiudono durante l'emergenza coronavirus.

coronavirus assalto distributori sigarette

Dopo la corsa ai supermercati, la follia da coronavirus ha portato nella notte del 12 marzo all’assalto ai distributori sigarette. É un fenomeno che si è verificato più o meno in tutta Italia, con lunghe file proprio davanti ai distributori automatici e con molte persone intente a fare incetta di sigarette e prodotti da fumo.

A far scattare l’allarme sarebbe stato il discorso tenuto dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, dove si annunciava l’ulteriore restrizione delle misure da adottare per l’emergenza coronavirus.

Coronavirus, assalto ai distributori di sigarette

Naturalmente anche questa paura di rimanere senza sigarette poteva essere evitata visto che, così come i supermercati e le farmacie, anche i tabacchi e le edicole rimarranno aperti. La fila per fare incetta di pacchetti di sigarette è pertanto completamente inutile soprattutto se si considera che addensarsi in più persone per fare le fila rappresenta una violazione della parte più importante del decreto: evitare luoghi affollati e mantenere la distanza di almeno un metro.

Chi chiude e chi no?

Ricordiamo inoltre che le attività per cui è prevista la chiusura sono bar, ristoranti, mercati di strada, centri commerciali, centri estetici, parrucchieri e barbieri. Sospese anche le mense dove non è possibile mantenere un metro di distanza l’uno dall’altro. Per quanto attiene ai mezzi pubblici, ogni regione deciderà caso per caso come sia meglio organizzare il proprio trasporto pubblico locale.

Per tutte le informazioni dettagliate, regione per regione, si consiglia di visitare il sito della proprio regione di appartenenza oppure quello del Ministero della Salute e del Governo.

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Roberto
19 Marzo 2020 16:33

Non è un paradosso. Il paradosso è che io sono stato fermato dai carabinieri mentre andavo a comprare le sigarette dal distributore automatico, senza fare file o altro. Mi hanno intimato di tornare a casa prima che io potessi avvicinarmi al distributore, pena la denuncia penale. Detto cio la gente che fa scorte fa bene, perche alla fine nemmeno chi deve controllarci sa cosa possiamo o non possiamo fare.


Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora