×

Coronavirus in Italia, l’appello di medici e infermieri: “State a casa”

Condividi su Facebook

Mentre l'emergenza Coronavirus in Italia si allarga, medici e infermieri lanciano un appello alla popolazione.

coronavirus in italia l'appello di medici e infermieri
coronavirus in italia l'appello di medici e infermieri

L’emergenza Coronavirus in Italia si allarga. Il Premier Giuseppe Conte ha alzato ancora il livello di allerta, imponendo la chiusura di tutti i negozi non necessari. Rimarranno aperti solo i negozi di prima necessità. Sui social, in particolare su Facebook, molti personaggi dello spettacolo, dello sport e della politica hanno lanciato messaggi per chiedere alle persone di stare a casa. Gli unici che sicuramente non potranno restare a casa saranno i medici, gli infermieri e resto del personale medico e sanitario, impegnato in prima linea per franare l’emergenza coronavirus in Italia.

Da loro è partita una campagna: “Io resto in corsia, tu resta a casa!“. Questo il messaggio che medici, infermieri e operatori del Policlinico di Bari stanno diffondendo sui social. #iorestoacasa #covid19italia”.

Coronavirus in Italia, l’appello di medici e infermieri

La campagna è stata lanciata dallo stesso personale sanitario ed è stata riportata da Corriere della Sera sulla propria pagina Facebook. La campagna è subito diventata virale, scatenando molte reazioni. La maggior parte delle persone, infatti, ha voluto mostrare la propria vicinanza ai medici.

“Grazie ragazzi. Siete l’orgoglio di questa nazione! Spero tanto che molti di noi, dopo questo incubo invisibile, capiscano la lezione. Forza Italia”, scrive un utente.

“Un grazie a tutto il mondo sanitario dai medici paramedici agli operatori di primi interventi Diamogli un aiuto, rimaniamo a casa“, fa eco un altro.


E ancora: “Dio vi benedica! Grandi ragazzi, siete i nostri pilastri contro ogni male, e oggi è un’altra conferma! Che Dio vi dia la forza di lottare ogni giorno della vostra vita contro ogni male”.

Nato il 18 luglio del 1990, vive a Cassina de' Pecchi. Si è laureato in Storia per seguire la propria voglia di conoscere il passato, ho iniziato l'attività giornalistica per analizzare il presente e le sue innumerevoli contraddizioni. Collabora con Metropolis Notizie e Notizie.it.


Contatti:

1
Scrivi un commento

1000
1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
1 Commentatori
più recenti più vecchi
Loschi e simulazioni di reato con cell

Forza ragazzi


Contatti:
Mattia Pirola

Nato il 18 luglio del 1990, vive a Cassina de' Pecchi. Si è laureato in Storia per seguire la propria voglia di conoscere il passato, ho iniziato l'attività giornalistica per analizzare il presente e le sue innumerevoli contraddizioni. Collabora con Metropolis Notizie e Notizie.it.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.