×

Coronavirus, da Milano al Sud Italia: treni affollati anche venerdì 13 marzo

Nuova fuga da Milano: dopo il sabato notte in cui la stazione si era riempita di viaggiatori, i treni per il Sud Italia sono di nuovo pieni.

coronavirus milano sud italia
coronavirus milano sud italia

I treni in partenza da Milano e diretti in molte città del Sud Italia erano affollati anche nella serata di venerdì 13 marzo, nonostante l’emergenza coronavirus. Dopo la prima fuga dalla Lombardia in seguito alla pubblicazione della bozza del primo decreto di contenimento, torna l’esodo verso il meridione.

Le linee Milano-Siracusa-Palermo delle 20:10 e soprattutto il treno Milano-Lecce delle 20:50 hanno registrato moltissimi viaggiatori a bordo. Una situazione che, in piena emergenza coronavirus, risulta molto pericolosa.

Coronavirus, fuga Milano-Sud Italia

Dopo la sospensione dei voli da e per l’Italia e lo stop a molti bus, l’unico mezzo per spostarsi nel Paese rimane il treno: venerdì 13 marzo alcune tratte erano affollate. Una situazione simile a quella del sabato in cui venne pubblicata la bozza del decreto di contenimento del coronaviurs: la stazione di Milano era piena di persone in fuga verso il Sud Italia.

“Non ci sono più voli – ha detto un ragazzo diretto a Palermo -, l’unica soluzione per lasciare Milano è questa”. Moltissimi i ragazzi fuorisede della Statale e della Cattolica di Milano in viaggio verso casa. Ma il personale delle Ferrovie denuncia: “Non ci sono garanzie di sicurezza sanitaria, la gente è disposta a viaggiare tutta la notte con persone sconosciute, nella promiscuità obbligata degli spazi di un vagone letto, cioè tre posti, e delle cuccetta a quattro posti”. Mancano anche la sicurezza e l’igiene per i viaggiatori e il personale: “Noi del personale viaggiante abbiamo un solo paio di guanti e una mascherina per il viaggio di andata e per il ritorno”.

Nonostante i controlli di sicurezza agli ingressi e alle uscite, lamenta un dipendente, “non si capisce perché tutta questa gente possa partire, visto che l’ultima ordinanza ha fermato l’Italia“.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:
9 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Antonella
14 Marzo 2020 10:01

Perché a noi fanno le multe anche se circoliamo a piedi mentre i treni continuano a viaggiare indisturbati? Fermateli

Domenica
14 Marzo 2020 10:30
Risponde a  Antonella

Fermate anche i treni nn e giusto così tanta gente sconosciuti si può prendere lo stesso i corona virus restate a casa vi prego e pericoloso

Vic
14 Marzo 2020 11:01
Risponde a  Antonella

Perché se la gente (stupida) usa il “trucchetto da furbetti” di tornare al proprio domicilio, le forze dell’ordine non possono fare nulla…oltre che verificare successivamente e nel caso denunciare.

Giacomo
14 Marzo 2020 10:22

Scusate ma se non bastano le forze dell’ordine a controllare ste teste di c…o xche non mettiamo i militari,e denuncia a chi non rispetta le regole o come al solito in Italia si fa ciò che si vuole?

Alessia
14 Marzo 2020 10:42

Siete delle grandissime teste di cazzo! La smettete di ritornare qua?!? Coglioni! SE scoppia la bomba da noi, siamo nella merda!

Vincenzo Melchiorri
14 Marzo 2020 10:45

In questo Paese si arriva all’assurdo!!!!! Come si fa a bombardare tutto il santo giorno la gente con slogan tipo
NON VI MUOVETE DA CASA ! e poi permettere un esodo in massa di persone dalle zone infette verso le zone del sud con il treno???????? MA SIAMO PAZZI!!!??????

Daniele
14 Marzo 2020 11:58

Sparate a vista… È l’unico modo per far capire ca sannu a stari a casa?

Simone Sisto
14 Marzo 2020 15:00

Italiani siete veramente delle emerite teste di….. Possibile che non vi rendete conto che quello che fate è un come avere una pistola carica e state sparendo nel mucchio di persone oltretutto anche ai vostri cari ma non credo che siano cari per voi.

Giulio Belfonte
15 Marzo 2020 08:59

La Polfer Lombarda ha smentito….iniziate a fare i giornalisti non i barbieri… in questo momento raccontate cose positive…le persone non hanno bisogno di queste notizie…


Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora