×

Coronavirus a Roma, limiti per spostamenti a piedi e spesa sotto casa

Seguendo le direttive del Viminale, la Prefettura di Roma ha attivato le limitazioni per chi esce di casa a piedi durante l'emergenza coronavirus.

coronavirus-roma

Mentre il Paese sta affrontando le nuove ordinanze del governo in merito all’emergenza coronavirus, a Roma la Prefettura ha deciso utilizzare il pugno di ferro al fine di far rispettare le limitazioni imposte dalle autorità sul non uscire di casa se non per l’acquisto dei beni di prima necessità.

Secondo le attuali disposizioni infatti è possibile andare a fare la spesa in macchina ma anche a piedi, pur rimanendo ovviamente nelle vicinanze della propria abitazione.

Coronavirus a Roma, la stretta sugli spostamenti

La decisione di rafforzare i controlli delle forze dell’ordine è giunta in previsione delle giornate di bel tempo che aspettano i cittadini romani nei prossimi giorni e che potrebbero invogliare qualcuno a trascorre qualche ora all’aria aperta in violazione delle norme sulla quarantena. A decidere per la stretta sugli spostamenti è stata la prefetta di Roma Gerarda Pantalone, entrata in servizio la scorsa estate e ora in prima linea nel fermare tutti i coloro che potrebbero mettere seriamente a rischio la vita degli altri.

Secondo le attuali norme infatti, rimane dunque lecito uscire di casa per acquistare generi di prima necessità a patto di farlo nei pressi delle proprie abitazioni, in un raggio di 1-2 chilometri da esse, e avendo in tasca l’autocertificazione da mostrare agli agenti delle forze dell’ordine nel caso si venisse fermati.

I dubbi sulle passeggiate col cane

A dirimere ulteriori dubbi sulle ordinanze governative ci ha pensato il ministro agli Affari Regionali Francesco Boccia, spiegando che le attività motorie negli spazi aperti al pubblico rimangono consentite se rispettano la distanza interpersonale di un metro: “Non si poteva fare una norma che vietasse di uscire per un giro del palazzo, per la spesa, per portare fuori il cane, ma andare a cena da amici è assolutamente sconsigliabile. La passeggiata al parco si può fare, ma già a correre si mettono in difficoltà gli altri”.

Da Boccia arriva inoltre la conferma che è possibile uscire di casa per portare a passeggio il proprio cane: “Sì, per la gestione quotidiana delle sue esigenze fisiologiche e per i controlli veterinari”.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora