×

Coronavirus, Sgarbi: “É solo un raffreddore”, scatta la denuncia degli scienziati

Per Sgarbi arriva la denuncia da parte degli scienziati che giudicano irresponsabile il comportamento del critico d'arte

coronavirus scienziati sgarbi denuncia

Le affermazioni rilasciate da Vittoria Sgarbi che andavano a minimizzare il coronavirus e invitavano la persone a continuare ad uscire di casa sono costate al critico d’arte la denuncia da parte di molti scienziati. Nello specifico l’associazione Patto Trasversale per la Scienza (Pts), fondata da Roberto Burioni e Guido Silvestri, ha presentato un esposto penale contro Vittorio Sbarbi nella cui causale si legge: “per le gravi affermazioni fatte nel video del 9 marzo scorso pubblicato sul profilo Facebook (ora cancellato) e sul canale YouTube sulla diffusione del virus e sulla malattia Covid-19.

Nel video Sgarbi ha manifestato dubbi sulla pericolosità del virus e sulle modalità di diffusione del contagio, diffuso notizie false rispetto alla prevenzione e ridicolizzato le misure di contenimento adottate dal Governo”.

Le parole di Sgarbi sul coronavirus

Sgarbi nel video incriminato diceva ai suoi molti follower di credere a quello che il governo affermava sul coronavirus. “Tutta un’invenzione di un governo oscurantisca” aveva detto Sgarbi che poi aveva aggiunto: “Non credeteci, non è letale, ma solo un raffreddore. Girate pure, andando in giro non vi capiterà un c…o. Il corona è solo un virus del buco del c..o”. Le frasi di certo non popolari in questo periodo in cui tutti si rifanno alla slogan “Io resto a casa” sono costate al critico d’arte molti insulti e contestazioni, formalizzatesi poi nella denuncia da parte degli scienziati.

La denuncia degli scienziati

“A prescindere dai risvolti giudiziari, chi in questo momento ha a disposizione una platea importante di pubblico in qualità di influencer ha anche doveri e obblighi morali di responsabilità nei confronti del Paese – dice Pier Luigi Lopalco, presidente del Pts e responsabile Coordinamento Regione Puglia emergenze epidemiologiche –È da irresponsabili diffondere proclami che incitino ad abbassare la guardia verso un’infezione così pericolosa”.

Contents.media
Ultima ora