×

Coronavirus, il racconto di una paziente guarita: “Un viaggio all’inferno”

Una paziente contagiata dal coronavirus e guarita ha descritto la malattia molto diversa da una semplice influenza: "Un viaggio all'inferno".

coronavirus paziente
coronavirus paziente

Fernanda è una paziente guarita dal coronavirus che ha voluto raccontare la sua esperienza per sottolineare come non si tratti di una banale influenza. Infatti, la donna di 68 anni lo ha descritto come un “viaggio all’inferno”. “Sono viva e mi ritengo fortunata”, avrebbe aggiunto ancora.

Fernanda è stata dimessa dall’ospedale di Cremona dove si era recata lei stessa al comparire dei primi sintomi. Il suo racconto mette in guardia gli italiani e sfata alcuni miti.

Coronavirus, racconto di paziente guarita

Ha lasciato l’ospedale di Cremona con il sorriso sulle labbra, ma la difficoltà dell’affrontare una malattia sconosciuta e la paura di non farcela non sono mai scomparse. Fernanda è la paziente guarita che ha deciso di raccontare la sua lotta contro il coronavirus per sfatare il mito della banale influenza. “Il Coronavirus – ha detto la donna – non è una banale influenza: i dolori sono troppo forti e senti bruciare dentro“.

Parla ai microfoni del Giornale di Brescia, descrivendo come la febbre a temperatura oltre i 37 o 38 gradi non scende, i polmoni la notte sembrano andare a fuoco e il respiro tende a mancare. “Non riesci a mangiare o bere”, ma la sfida più dura è quella psicologica. La solitudine e il senso di abbandono che ti permette il contatto soltanto con “angeli senza ali che fanno tutto oltre ogni limite per salvare le persone”.

“Ma ho visto anche staccare l’ossigeno a chi ne aveva bisogno per darlo a chi arrivava in emergenza”, ha confessato Fernanda.

Ciò che ha imparato da questa terribile esperienza è che non bisogna sottovalutare nulla, non bisogna attaccarsi ai beni materiali perché alla fine quello che conta è altro. “State a casa, non pensate ad andare a correre”, questo il messaggio finale.

Contents.media
Ultima ora