×

Coronavirus, ok a vendita prodotti di cancelleria nei supermercati

Condividi su Facebook

Quaderni, penne e matite tornano sugli scaffali di tutti i supermercati. Sala: "Abbiamo lanciato la battaglia del pennarello".

Dopo lo stop imposto dall’emergenza coronavirus, nei supermercati ritornano i prodotti di cancelleria. Quaderni, pennarelli, matite e altri materiali scolastici ricompariranno sugli scaffali dei supermarket a breve. Lo riporta il sindaco di Milano Beppe Sala, che ha accolto molte proteste dei cittadini in merito e se ne è fatto portavoce.

Coronavirus, ok ai prodotti di cancelleria

L’annuncio è stato dato dal primo cittadino di Milano nella giornata di sabato 28 marzo. In un video registrato a Palazzo Marino, Sala conferma: “Vorrei dire alle mamme in ascolto che stamattina ho ufficialmente lanciato la battaglia del pennarello. In molte mi avete segnalato che non si trovano nei supermercati articoli di cartoleria fondamentali per far studiare i vostri ragazzi, perché non sono considerati articoli essenziali secondo il decreto del governo, ma lo sono!”.

Una puntualizzazione che sicuramente ha reso più serene molte famiglie. In questi giorni infatti, bambini e ragazzi sono costretti a casa per la chiusura scolastica. Matite e pennarelli possono essere un ottimo passatempo per i bimbi che vogliono disegnare, penne e quaderni sono indispensabili per un liceale che deve fare i compiti. Insomma, l’assenza della cancelleria sugli scaffali dei supermercati è stata molto contestata.

Beppe Sala si è incaricato personalmente di riportare la questione al governo.

Finalmente, i prodotti di cartolibreria potranno tornare in commercio: l’apertura verrà inserita nelle Faq (frequently asked questions) che accompagnano il decreto. La dicitura infatti specifica che sarà possibile acquistare beni non di prima necessità: “Gli ipermercati, i supermercati, i discount di alimentati e gli altri esercizi non specializzati di alimentari vari individuati nell’allegato 1 del dpcm 11 marzo 2020 possono continuare a vendere anche prodotti diversi rispetto a quelli elencati nelle categorie merceologiche espressamente indicate”.

Nata a Roma nel novembre del 1992, ha studiato lettere all'università La Sapienza e si è successivamente avvicinata al mondo della comunicazione. Ha collaborato con Bossy e L'Indiependente.


Contatti:

1
Scrivi un commento

1000
1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
1 Commentatori
più recenti più vecchi
Cappellin Claudio

Perché loro si egli altri no? La solita democrazia del denaro!!!


Contatti:
Beatrice Carvisiglia

Nata a Roma nel novembre del 1992, ha studiato lettere all'università La Sapienza e si è successivamente avvicinata al mondo della comunicazione. Ha collaborato con Bossy e L'Indiependente.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.