×

Salute in Italia, quant’è la spesa sanitaria pro capite per regione?

Condividi su Facebook

In Italia la spesa sanitaria pro capite varia da regione a regione: quali sono le principali differenze che attraversano il territorio nazionale?

spesa-sanitaria

Tra le tante differenze che attraversano il nostro Paese una di quelle che maggiormente si riflette sulla vita dei singoli cittadini è quella inerente alla spesa sanitaria, che varia in maniera evidente a seconda della regione in cui si risiede.

Analizzando gli ultimi dati Istat disponibili, aggiornati al 2017, appare lampante come la differenza di spesa sanitaria ricalchi, seppur con le dovute eccezioni, la classica contrapposizione Nord/Sud ma anche quella meno sentita a livello mediatico tra regioni ordinarie e regioni a statuto speciale. Vediamo dunque quant’è la spesa sanitaria pro capite regione per regione.

Spesa sanitaria pro capite per regione

Stando ai dati raccolti dal rapporto Osservasalute per quanto riguarda l’anno 2017 la provincia autonoma di Bolzano risulta essere l’ente con la spesa sanitaria pro capite più elevata, con 2317,0 euro a persona. A seguire troviamo un’altra regione a statuto speciale: la Sardegna, che con 2.61 euro si piazza al secondo posto. Completa il podio la Liguria con 2.054 euro di spesa sanitaria pro capite.

In seguito troviamo il Molise, unica altra regione del Sud Italia situata nella parte alta della classifica, la cui spesa sanitaria ammonta a 2.031 euro per abitante, in lieve calo rispetto ai 2.051 euro del 2016. Al quinto e sesto posto abbiamo invece altre due regioni a statuto speciale vale a dire la Valle d’Aosta e il Friuli-Venezia Giulia, che spendono rispettivamente per ogni loro abitante 2.015 e 1.945 euro.

La Lombardia solo a metà classifica

Sotto i 2mila euro a persona arrivano invece le regioni del Centronord, a cominciare dall’Umbria la cui spesa sanitaria per abitante crolla dai 2.111 euro del 2016 ai 1.931 del 2017: un calo di oltre l’8%.

Segue la Toscana con 1.915 euro e l’Emilia Romagna con 1.908 euro pro capite. A metà classifica e ben lontana dalla zona in cui si sarebbe immaginato trovarla c’è la Lombardia che per ogni suo abitante spende 1.904 euro, seguita a poca distanza dal Lazio con 1.899 euro a persona.

Nella zona bassa della classifica abbiamo la Basilicata con 1.866 euro di spesa alla sanità per abitante, mentre quasi appaiate troviamo Piemonte e Puglia rispettivamente con 1.848 e 1.844 euro pro capite. Subito dietro ecco le Marche con 1.842 euro per abitante e l’Abruzzo con 1.818 euro. Sorprendentemente quasi in fondo alla classifica c’è invece il Veneto, che con i suoi 1.813 euro pro capite è la regione del Nord che meno spende nella sanità. Chiudono la classifica della spesa sanitaria regionale pro capite tre regioni del Sud Italia e cioè Sicilia con 1.765 euro, la Calabria con 1.748 e la Campania con soli 1.723 euro.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Giuseppe
4 Agosto 2020 21:42

Questa spesa sanitaria nelle mani di chi va alla fine dei conti? Sicuramente il grosso va al privato. Io da operaio pago per una sanità pubblica che in basso Molise è stata falcidiata a vantaggio di quella privata, e che qualcuno vuole negarmi perché una manica di cittadini molisani ha dato a persone di dubbia capacità la possibilità di farlo quasi illegalmente.


Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.