×

Coronavirus, Borrelli: “A Pasqua e pasquetta no assoluto alle feste”

Condividi su Facebook

A Pasqua e pasquetta si resta a casa, come previsto dal decreto anti-coronavirus: questo è il messaggio di Angelo Borrelli agli italiani.

coronavirus pasqua borrelli
coronavirus pasqua borrelli

Pasqua e pasquetta quest’anno si trascorreranno in famiglia insieme ai parenti più stretti: Angelo Borrelli ritiene che il rispetto delle norme anti-coronavirus in queste occasioni sia fondamentale. Nessuna scampagnata, nessun pranzo con i parenti, nessuna gita fuori porta o grigliata con amici.

Nel consueto appuntamento con il bollettino del 1 aprile, infatti, il commissario ha sottolineato che, qualora possibile, il Dpcm introdurrà degli allentamenti alle misure restrittive. “Sarebbe pericolosissimo, dobbiamo continuare a mantenere un comportamento corretto e non formare assembramenti. Quando la situazione cambierà verrà emanato un nuovo decreto”.

Coronavirus, Borrelli sulla Pasqua

“Giunge la voce che in alcune zone della Sicilia le persone si stiano preparando a festeggiare la Pasqua e la pasquetta – ha detto Borrelli dopo aver riportato i dati sul coronavirus del 1 aprile -. Sarebbe pericolosissimo”. Per quest’anno occorre limitare qualsiasi assembramento, evitare il consueto pranzo con i parenti, rimandare la scampagnata e la gita fuori porta con gli amici. Insomma, è consentito festeggiare la Pasqua, ma restando in casa con la propria famiglia e mantenendo tutte le precauzioni necessarie.

Dopo la proroga delle misure di contenimento annunciata da Conte nella serata del 1 aprile, infatti, rimane ferma la regola “Io resto a casa”. In queste settimane si sono visti i primi segni di rallentamento del contagio che fanno ben sperare. Commettere un passo falso in questo momento potrebbe portare al collasso le strutture sanitarie e vanificare tutti gli sforzi fatti fino a ora.


Anche il pediatra Villani fa eco a Borrelli: “Non sappiamo ancora se sia stato raggiunto il picco dei contagi, di certo confermiamo che ci troviamo in una situazione di piena emergenza, che non possiamo abbassare la guardia .

I dati degli ultimi giorni ci fanno essere ottimisti, ma nulla è cambiato e naturalmente a Pasqua e pasquetta non sarà ancora possibile uscire di casa“.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.