×

Coronavirus Lazio, l’infettivologo Mastroianni: “Forse tra i primi a ripartire”

Secondo Mastroianni, il Lazio potrebbe essere tra le prime Regioni a ripartire dopo il coronavirus: è stato registrato un calo dei contagi.

coronavirus infettivologo mastroianni
coronavirus infettivologo mastroianni

Mentre il governo inizia a pianificare come potrebbe avvenire la fase due di convivenza con il coronavirus, l’infettivologo Mastroianni di fronte ai dati del Lazio fa una riflessione. Il calo dei contagi registrato in Regione, infatti, fa ben sperare e potrebbe avvicinare la Regione a una riapertura.

Ricciardi ritiene che la ripresa possa partire dal centro-sud Italia e non si esclude che il Lazio possa essere tra le prime Regioni a ripartire. Tuttavia, ricorda Claudio Mastroianni, “la popolazione dovrà fare la sua parte e continuare a fare molta attenzione, usando tutte le precauzioni del caso, e bisognerà essere capaci di individuare tempestivamente l’eventuale insorgenza di nuovi focolai”.

Coronavirus Lazio, Mastroianni sulla ripresa

In un’intervista per Il Messaggero, Claudio Mastroianni, ordinario di Infettivologia all’Università La Sapienza di Roma e direttore della Uoc di Malattie infettive del Policlinico Umberto I, ha analizzato il bollettino dei contagi da coronavirus del Lazio. Il calo costante e il numero crescente di persone che vengono dimesse ogni giorno “ci suggerisce che finalmente i nostri sacrifici stanno funzionando”. Dunque, “se entro la fine del mese i contagi non saranno arrivati a quota a zero, saranno comunque molto bassi”.

Questo fa ben sperare per una riapertura che potrebbe precedere altre Regioni più colpite. Ma Mastroianni ricorda: “La fase di riapertura sarà graduale e dipenderà molto dalla situazione delle varie regioni. Ma con questi numeri è possibile che il Lazio sia tra le prime a ripartire“.

In vista della ripresa “bisognerà essere capaci di individuare tempestivamente l’eventuale insorgenza di nuovi focolai ed essere pronti a isolarli e circoscriverli subito.

Solo così potremo evitare di dover ricominciare tutto da capo. Anche la popolazione”, ha concluso infine, “dovrà fare la sua parte e continuare a fare molta attenzione, usando tutte le precauzioni del caso”.

Contents.media
Ultima ora