×

Coronavirus a Cremona, morta l’infermiera 41enne Elena Rodica Nitu

Un'infermiera è morta di Coronavirus nel cremonese, lottando con tutta sé stessa per sconfiggere la pandemia, anche in prima linea.

Coronavirus, nel cremonese morta infermiera
Morta l'infermiera Elena Rodica Nitu per Coronavirus.

Elena Rodica Nitu, infermiera presso l’ospedale Oglio Po di Casalmaggiore, Cremona, è morta di Coronavirus. Da settimane ha combattuto la pandemia, che purtroppo però ha avuto la meglio su di lei, portandosela via a Milano, dove si trovava a causa delle complicazioni.

Infermiera morta di Coronavirus

Elena era originaria delle Romania e viveva in Italia da 15 anni, lavorando presso il reparto di Dialisi dell’ospedale Oglio Po. Nella struttura, come in tante altre, è arrivato il Coronavirus che l’ha contagiata e portata al decesso.

Come per tante altre persone, non ha potuto ricevere l’ultimo saluto da parte dei familiari, che si trovano nel suo Paese natale.

I colleghi dell’ospedale la ricordano con grande amore, come una donna simpatica e allegra, sempre ligia al dovere. Elena amava davvero il suo lavoro, per lei era una vera e propria missione: “Dedicava infatti anima e corpo ai suoi pazienti, non si fermava mai“, hanno detto di lei.

I parenti dell’infermiera hanno contattato l’Ambasciata romena in Italia per provare ad ottenere il rimpatrio della salma, ma vista l’emergenza Coronavirus è difficile che ciò venga concesso.

Il Coronavirus in corsia

Elena Rodica Nitu è solo una dei tanti dipendenti ospedalieri che contraggono la pandemia mentre svolgono il loro servizio. Sono sempre più i casi di contagio fra medici e infermieri, in diversi ospedali italiani.

I dispositivi di sicurezza personale come mascherine, guanti e camici sono esauriti e chi combatte ogni giorno contro il Coronavirus si trova estremamente esposto.

A ieri, 7 aprile 2020, si stima siano 94 i morti fra il personale sanitario e sul sito della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, ne viene data giornaliera comunicazione.

Contents.media
Ultima ora