×

Coronavirus, auto in fila sul Grande raccordo Anulare a Roma

Un video ripreso da un operatore sanitario mostra la fila oceanica di auto sul Grande Raccordo anulare di Roma, nonstante le misure anticoronavirus.

coronavirus auto raccordo anulare
coronavirus auto raccordo anulare

Un video ripreso da un operatore sanitario mostra la fila oceanica di auto sul Grande Raccordo anulare di Roma, nonostante le misure restrittive imposte dal Governo in termini di coronavirus, ma le immagini sono dell’11 aprile e i controlli sulle uscite della Capitale spiegherebbero l’affollamento.

Coronavirus, auto in fila sul raccordo anulare

Sembrano non essere servite a niente le raccomandazioni e le misure restrittive imposte dal Governo per contenere il coronavirus. In molti infatti la mattina di Pasqua hanno deciso di infischiarsene dell’emergenza sanitaria, come mostra le immagini di file oceaniche di auto sul raccordo anulare di Roma.

Le immagini però rialgono all’11 aprile e presunti controlli alle uscite dellla Capitale spiegherebbero l’improvviso affollamento.

Il video è stato girato da un operatore sanitario che per lavoro si stava spostando, e nel filmato commenta il fiume di auto presenti davanti a lui: “Dove va tutta questa gente? Questi sono i romani. Vanno a fare la gita fuori porta”.

Salaria affollata

In un altro video girato sempre a Roma, un uomo dal suo balcone di casa ha filmato nella giornata di sabato 11 aprile (Sabato Santo) la situazione traffico sulla Salaria alle ore 14, mostrando chiaramente una fila chilometrica di auto ferme in coda, probabilmente partite correndo molti rischi in termini economici e giudiziari, visto che le vacanze come sappiamo non rientrano affatto nei casi di necessità, salute o lavoro.

I dati delle autorità però sembrano andare controcorrente con le immagini dei due video, visto che sabato a Roma sono stati effettuati 25 mila controlli. A fronte di questo numero importante, solo 100 sono stati multati. A quanto pare sembra che allora la maggior parte delle auto in fila avesse validi motivi per cui spostarsi.

Contents.media
Ultima ora