×

Coronavirus, scarcerato per motivi di salute un killer della camorra

A causa dell'emergenza coronavirus, che metterebbe a rischio la sua salute dietro le sbarre, è stato scarcerato il killer di camorra Giosuè Belgiorno.

pacco sequestrato carcere avellino

L’emergenza coronavirus in Italia rende particolarmente difficile ha vita per chi è recluso all’interno di un carcere, ma nonostante ciò la sentenza con cui il Tribunale del riesame di Napoli ha scarcerato il killer di camorra Giosuè Belgiorno non mancherà di far discutere a lungo.

Il sicario è stato infatti assegnato agli arresti domiciliari in quanto il regime carcerario non sarebbe compatibile con le sue precarie condizioni di salute. Belgiorno fa uso di medicinali immunosoppressori e un’eventuale contagio da coronavirus all’interno della casa circondariale potrebbe mettere a serio rischio la sua salute.

Coronavirus, scarcerato killer di camorra

Stando a quanto deciso dai giudici della decima sezione del Tribunale del riesame di Napoli, Belgiorno è ritenuto un soggetto a rischio di contagio nel caso il coronavirus dovesse iniziare a diffondersi all’interno del carcere di Secondigliano, dov’era attualmente recluso fino allo scorso 10 aprile quando è stato condotto agli arresti domiciliari.

La decisione dei giudici ribalta quindi quanto in precedenza stabilito dalla Corte d’Assise d’Appello, secondo la quale Belgiorno in realtà era adeguatamente assistito da parte del centro clinico del carcere di Secondigliano.

La Corte non aveva ravvisato infatti motivazioni sufficienti alla scarcerazione del killer per motivi di salute.

La condanna a vent’anni per omicidio

Giosuè Belgiorno si trovava in carcere a seguito di una condanna a vent’anni per l’omicidio di Antonino D’Andò, ucciso il 22 febbraio 2011 durante una faida interna ai clan camorristici Amato e Pagano voluta dall’allora boss Mariano Ricco, del quale Belgiorno era il sicario di fiducia.

Il cadavere di Antonino D’Andò venne ritrovato soltanto dopo otto anni nelle campagne del comune di Arzano, in provincia di Napoli, indicato dallo stesso killer reo confesso al termine del processo.

Contents.media
Ultima ora