×

Coronavirus, a Bari spari contro un rider: tragedia sfiorata

Bari in piena emergenza coronavirus: la sparatoria avrebbe potuto avere conseguenze molto serie: raggiunto e arrestato il responsabile dai carabinieri

coronavirus bari madonnella

In piena emergenza coronavirus a Bari una sparatoria avrebbe potuto causare una tragedia. Un giovane rider impegnato nelle consegne a domicilio si era appoggiato sull’automobile di proprietà di un coetaneo. Quest’ultimo non ci ha pensato due volte ad impugnare la pistola e dal balcone di casa ha sparato verso la strada.

Il ragazzo che ha premuto il grilletto è poi stato arrestato per tentato omicidio.

Coronavirus, anche Bari in lockdown

L’episodio è avvenuto nel quartiere Madonnella. Anche Bari come il resto del Paese è in lockdown per l’allarme coronavirus. Qui un ragazzo delle consegne, di origine nigeriana, era arrivato con un furgone. Il lavoratore si trovava nei pressi del palazzo e, in attesa dei clienti, si era appoggiato su un auto. Ad un certo punto da un altro condominio si è affacciato da un balcone una persona.

Questa ha cominciato ad inveire contro il rider e un attimo dopo ha impugnato una pistola.

Danneggiato il furgone

Il giovane ha cominciato così a sparare contro il ragazzo delle consegne. I colpi solo fortunatamente non hanno raggiunto il rider ma hanno però danneggiato il suo furgone. Dopo aver sparato il proprietario dell’auto si è dato alla fuga ma è stato raggiunto dai carabinieri. Ad essere arrestato è stato un 21enne del posto.

Per lui le accuse sono di tentato omicidio e detenzione illegale di arma d fuoco. La pistola, una calibro 6 e 35, è stata posta sotto sequestro.

Setacciate le vie della città

Carabinieri e polizia sono stati impegnati a Bari per l’emergenza coronavirus anche in questo periodo pasquale. Setacciate le vie della città: il monitoraggio si è avvalso anche di elicotteri e droni.

Attivato un dispositivo straordinario di controllo del territorio con l’obiettivo di far rispettare le prescrizioni imposte contro la diffusione del coronavirus (Covid-19).

Contents.media
Ultima ora