×

Coronavirus, i bambini ora sono più esposti ai pericoli di Internet

Unicef parla ai genitori e alle Istituzioni dei rischi cui sono sottoposti i bambini su Internet durante l'emergenza Coronavirus.

Coronavirus, bambini maggiormente esposti su Internet
I bambini ora sono più esposti su Internet, ne parla Unicef in riferimento al Coronavirus.

Unicef lancia l’allarme: milioni di bambini sono più esposti su Internet, causa quarantena da Coronavirus. Ebbene sì, le restrizioni che impongono a stare in casa potrebbero colpire maggiormente la sicurezza dei minori, che navigano spesso online e magari senza supervisione da parte di un genitore.

Bambini più a rischio su Internet

Secondo logica, più tempo si passa sul web e maggiori sono i rischi di finire vittime di adescamento, sfruttamento sessuale o molestie. I predatori sono ovunque, nascosti dietro ad una tastiera e spesso mascherati da pseudonimi o identità che li fanno sembrare persone amichevoli.

Francesco Samengo, presidente Unicef Italia, ha voluto mettere in guardia tutti i genitori su questi rischi. Oltre a quelli sopra citati, c’è anche la diffusione di materiale a sfondo sessuale come foto private, attraverso l’utilizzo poco controllato di smartphone e chat. Non solo, anche il cyberbullismo diventa un fenomeno più frequente, complice la noia da quarantena e qualche ragazzino crudele.

Effetti secondari del Coronavirus

Il direttore generale Unicef, Henrietta Fore, ha dichiarato: “Chiediamo ai governi e al settore industriale di unire le proprie forze per tenere i bambini e i giovani al sicuro online attraverso dispositivi di sicurezza potenziati e nuovi strumenti per aiutare genitori e formatori a insegnargli come usare Internet in modo adeguato”.

Le famiglie sono chiamate ad agire come primo contatto coi figli: dovrebbero assicurargli dispositivi con programmi antivirus aggiornati, dialogare apertamente con loro su come e con chi stiano comunicando online.

Inoltre, è fondamentale stabilire delle regole sull’utilizzo di Internet e prestare attenzione ad eventuali segnali di stress nei bambini.

Contents.media
Ultima ora