×

Dopo coronavirus, Ryanair è pronta: tariffe molto basse

Dopo l'emergenza coronavirus si scatenerà la guerra dei prezzi per le compagnie aeree: Ryanair è pronta. Lo conferma il Ceo

coronavirus ryanair

La fine delle restrizione dovute all’emergenza coronavirus scatenerà la guerra dei prezzi per le compagnie aeree: Ryanair è già pronta. A confermarlo il Ceo della stessa Ryanair Michael O’Leary che ha parlato del dopo lockdown dovuto all’allarme coronavirus. Secondo il manager la ripresa dei viaggi in aereo sarà velocissima anche grazie alla riduzione delle tariffe.

Ma non tutte le compagnie riusciranno a reggere. Ryanair baserà le proprie politiche su un bilancio solido e su un modello a basso costo.

Coronavirus, Ryanair: “2021 sarà anno eccezionale”

“In poco tempo i volumi di traffico torneranno su una base normale, ma a prezzi inferiori. Nel momento in cui si potrà ricominciare a volare, inizieremo a vendere i posti a sedere e così farà ogni altra compagnia aerea.

– ha detto Michael O’Leary – Il 2021 ha tutte le prospettive per essere un anno eccezionale in termini di guadagni. I prezzi potrebbero essere più bassi, ma anche i prezzi del petrolio saranno più bassi e gli aeroporti ridurranno le tariffe per incoraggiare la crescita del traffico”.

Voli a terra fino a giugno

Le previsioni per la ripresa dopo l’emergenza coronavirus del Ceo di Ryanair riguardano in particolare modo i mesi di luglio e agosto 2020.

I voli, specie in Europa, resteranno a terra fino a giugno inoltrato. Previsioni ottimistiche secondo molti analisti del settore che invece parlano di almeno due anni per la ripresa completa del trasporto aereo. “Molte persone in tutto il nord Europa sono state rinchiuse negli appartamenti. – ha spiegato O’Leary – Vorranno tutti andare in vacanza prima che i bambini tornino a scuola, purché possano farlo in ragionevole sicurezza”.

Mascherine e temperatura

Ryanair ha anche presentato ricorso contro le agevolazioni fiscali approvate dall’Unione Europea per la Francia. Agevolazioni che escludono i vettori registrati in altri Paesi. Compagnia come Lufthansa ed Air France, inoltre, hanno chiesto pacchetti di aiuti da miliardi di euro per evitare la crisi delle aziende. Sulle misure di contenimento per la diffusione del coronavirus, infine, il Ceo di Ryanair ha confermato che saranno utilizzate mascherine ed altri dispositivi di protezione individuale. Sarà anche controllata la temperatura di passeggeri ed equipaggio, ma molto probabilmente i posti centrali non saranno lasciati vuoti, riducendo di un terzo la capienza dei velivoli, come ipotizzato da altre compagnie.

Contents.media
Ultima ora