×

Coronavirus, piazza virtuale per il 25 aprile: la proposta di Petrini

Festeggiare il 25 aprile, festa della Liberazione, nonostante il coronavirus è possibile, grazie alla proposta della pizza virtuale di Carlo Petrini.

Coronavirus, 25 aprile in una piazza virtuale
Festeggiare il 25 aprile, festa della Liberazione, nonostante il coronavirus è possibile, grazie alla proposta della pizza virtuale di Carlo Pertini.

Si avvicina il 25 aprile, la festa della Liberazione, e quest’anno sarà senza cortei. Il divieto di assembramenti cambia il volto di una delle celebrazioni più importanti per la storia italiana. Carlo Petrini propone di festeggiare il 25 aprile in una piazza virtuale, nonostante il coronavirus.

Hanno aderito all’iniziativa già 1.500 persone, tra artisti, intellettuali, sportivi, uomini di chiesa e laici, movimenti, associazioni, sindacati.

Coronavirus, piazza virtuale per il 25 aprile

Senza cortei e senza manifestazioni: la festa della Liberazione quest’anno sarà atipica.

Carlo Petrini, però, non vuole che questo giorno passi inosservato e ha proposto l’avvio di una piazza virtuale, per festeggiare il 25 aprile nonostante il coronavirus. L’iniziativa è già stata sottoscritta da più di 1.500 persone tra tra artisti, intellettuali, sportivi, uomini di chiesa e laici, movimenti, associazioni, sindacati.

“Abbiamo bisogno più che mai di celebrare la nostra libertà”, si legge in un appello sottoscritto da tutti i 1.500 promotori dell’iniziativa.

“In un momento in cui siamo costretti all’isolamento – si legge ancora – per combattere un nemico invisibile, in cui la distanza sociale ci rende un po’ più soli, possiamo e dobbiamo stringerci e sostenerci”.

Sulla piattaforma www.25aprile2020.it si trova l’elenco dei firmatari e da lì si potrà seguire la manifestazione virtuale. La manifestazione inizierà alle ore 11 del 25 aprile, con l’inno di Mameli. Dopodiché interverranno la presidente nazionale dell’Anpi, Carla Federica Nespolo, la staffetta partigiana Maria Lisa Cinciari Rodano, e Sara Diena, studentessa di Libera.

Sul sito, inoltre, è possibile fare una donazione destinata alla Caritas e alla Croce Rossa Italiana. La destinazione dei fondi raccolti sarà verificata da un comitato di garanti composto da Tito Boeri, Giancarlo Caselli, Enrico Giovannini, Morena Piccinini e Gustavo Zagrebelsky.

Anche Forza Nuova e no-vax sono pronti a scendere in piazza (letteralmente, in barba a tutti i divieti) lo stesso giorno. La proposta ha già visto l’adesione di oltre 18 mila persone, che vogliono manifestare contro il lockdown e la “dittatura sanitaria”.

Contents.media
Ultima ora