×

Coronavirus, verso nuove aperture dal 27 aprile: via libera a cantieri, moda, auto

Il governo sta valutando la possibilità di riaprire alcune attività già da lunedì 27 aprile: non sono previste, invece, deroghe sugli spostamenti.

coronavirus aperture 27 aprile

Se per la fase due forse occorrerà aspettare l’inizio di maggio, già dal 27 aprile il governo potrebbe predisporre nuove aperture: gli esperti, infatti, si interrogano sui settori meritevoli di deroga. Non verrà concessa alcuna tregua sugli spostamenti, che rimarranno invariati fino al 4 maggio.

Potrebbero però ripartire prima i giovani degli anziani, anche se rimarranno vietati assembramenti e ritrovi per evitare la diffusione del contagio. Per quanto riguarda, invece, i cantieri, la moda e le auto, potrebbero esserci novità.

Il premier Conte intende comunque valutare con cautela le prossime mosse. I contagi stanno scendendo lentamente e soprattutto in Lombardia il numero dei decessi è ancora troppo alto.

Coronavirus, nuove apertura dal 27 aprile

Il pressing di molte Regioni del Nord sulla riapertura si sta facendo sentire: Zaia, il governatore del Veneto spinge per la riapertura il 4 maggio, se non addirittura prima. Tocca quindi al ministro Boccia placare gli animi dei presidenti delle Regioni che vogliono correre: “Basta protagonismi. La partita si vince solo con il gioco di squadra“. Dal prossimo 27 aprile, comunque, potrebbero essere concesse alcune deroghe a particolari settori della produzione: si attendono novità sulla riaperture.

Si attende il decreto governativo, che, come annunciato dal premier, arriverà entro la fine della settimana. Appare sempre più probabile il via libera per i cantieri per la costruzione di edifici e altre attività che hanno un codice di rischio basso o medio-basso. Si guarda con attenzione anche al settore tessile, alla moda, alla fabbricazione di autoveicoli, mobili e articoli in pelle.

A rischio basso sono anche l’industria del tabacco, l’estrazione di minerali metalliferi, le cave e le miniere.

Se verrà concessa la riapertura, però, queste aziende dovranno rispettare le norme già delineate: dispenser per il disinfettante, mascherine e guanti, ingressi limitati e distanziamento di almeno un metro. Importante sarà anche la definizione di un piano di lavoro per i dipendenti predisponendo turni alternati e soprattutto smart working ove possibile.

Contents.media
Ultima ora