×

Fase 2: sarà possibile fare cene tra amici e parenti?

Condividi su Facebook

Nella fase 2 dell'emergenza coronavirus si dovrebbero poter fare cene tra amici, a patto che siano svolte tra pochi intimi e senza ammucchiate.

Fase 2 cene tra amici

Mentre il governo continua a confrontarsi sulle nuove regole da adottare nella fase 2 dell’emergenza coronavirus, sembrerebbe che una di esse preveda che si potrà di nuovo tornare a fare le cene fra pochi amici e parenti come prima del lockdown.

Fase 2: le cene tra amici

Naturalmente non saranno ancora autorizzate cene o feste affollate che potrebbero trasformarsi in occasioni di contagio. Ma per lo meno si dovrebbe poter andare a trovare i propri cari anche senza motivi di urgenza. Restano ancora da stabilire le modalità che verranno rese note dal Premier Conte nei giorni imminenti alla scadenza del decreto attualmente in vigore e con scadenza il 3 maggio 2020.

Le cene con pochi intimi saranno comunque concesse soltanto nelle proprie case e sempre limitate a pochissime persone. In tutti gli altri luoghi sia all’aperto che al chiuso bisognerà sempre rispettare le norme del distanziamento sociale e mantenere almeno un metro di sicurezza dagli altri. Si continuerà ad usare le mascherine e sarà vietato fare grandi feste.

L’unica concessione in più rispetto ad ora riguarda la possibilità di uscire anche senza comprovati motivi per andare a trovare un parente o fare una passeggiata. I ristoranti e i bar rimarranno con il beneficio del dubbio chiusi e si cercherà di privilegiare il cibo da asporto. Per il resto rimarrà la linea del rigore e della prudenza fin qui adottata per evitare che un allentamento troppo forte delle misure anti contagio porti ad una seconda ondata.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Contents.media