×

Toscana e Veneto potranno prescrivere test sierologici e tamponi

Durante la fase 2 i test sierologici potranno essere prescritti dal medico di base. La decisione arriva da Veneto e Toscana.

coronavirus milano prima 21 febbraio

Test sierologici, saranno prescrivibili dai medici di base in Toscana. Ad annunciarlo è il governatore Enrico Rossi. “Il medico può decidere di usarlo come verifica di post-malattia, ordinandolo come fa con qualsiasi altra prescrizione di prelievo del sangue. Bisogna andare agli uffici che fanno il prelievo: in 10 minuti si ha l’esito”.

Se il soggetto sarà positivo, si dovrà contattare un numero verde per prendere appuntamento per il tampone di conferma. “Con questo intervento prende forma lo screening di massa che avevamo promesso in Toscana”, ha affermato Rossi, sottolineando che: “Ogni 10.000 test sierologici sono circa 300 le persone che risultano positive; queste a loro volta vengono sottoposti a tampone, e 50 hanno la conferma che sono positive”.

Test sierologici in Toscana

I test sierologici effettuati in Toscana sono 120mila. “Se abbiamo ancora dei dati positivi sui contagi – ha aggiunto Rossi – li abbiamo perché stiamo effettuando questo numero enorme di test”. Dei kit acquistati dalla Regione ne sono stati distribuiti: “Oltre 50mila nel servizio sanitario regionale, altri 20.000 nelle Rsa, e poi fino a 150.000 alle forze dell’ordine. In più la convenzione con i laboratori privati produce nell’arco di un mese altri 250.000 test, quindi per 500mila test siamo già sulla ‘linea di produzione’.

Di questi 500mila sono stati al momento effettuati qualcosa come 120mila test che hanno dato determinati esiti, mentre altri stanno entrando nei nostri monitor”.

Intanto, in Veneto si procede alla prescrizione da parte del medico di base per quanto concerne il tampone rinofaringeo. Si tratterà di: “Una procedura esente ticket – spiega l’assessore alla Sanità Manuela Lanzarin – che si effettua inserendo uno specifico codice, denominato 5G1, nel momento della compilazione della ricetta dematerializzata. Per semplificare le cose alla gente, questa operazione di immissione del dato nel sistema informatico non sarà più eseguibile solo da parte del medico specialista di area di igiene e sanità pubblica, ma anche dai medici di medicina generale e dal pediatri di libera scelta. Non sarà quindi più necessaria la prescrizione specialistica”.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora