×

Omicidio Eleonora Perraro, il marito agli arresti domiciliari

Condividi su Facebook

Ai domiciliari il marito assassino di Eleonora Perraro. La madre e la sorella: "Abbiamo paura, Manfrini non è infetto e potrebbe fuggire".

eleonora perraro marito domiciliari
eleonora perraro marito domiciliari

Marco Manfrini, marito di Eleonora Perraro, la donna che ha seviziato e poi ucciso nel settembre 2019 in provincia di Trento, ora potrà uscire di prigione e trasferirsi agli arresti domicilari senza braccialetto elettronico, come disposto recentemente per l’emergenza coronavirus.

Eleonora Perraro, marito assassino ai domiciliari

Marco Manfrini, il marito nonché assassino di Eleonora Perraro, potrà scontare la sua pena agli arresti domiciliari, ma senza braccialetto. Un provvedimento preso dal Giudice delle indagini preliminari che avrebbe ritenuto superflua l’adozione di misure cautelative, visto il momento d’emergenza che già impone una limitazione della libertà.

La notizia è stata diffusa nella serata del 6 maggio nel corso del programma Chi l’ha visto’, dove sono intervenute anche la sorella e la madre della vittima. La donna non ha potuto fare altro che esprimere tutti i suoi timori: “Ho paura perché è una persona molto pericolosa. Non è in pericolo di vita. Non è in una terapia intensiva attaccato a una macchina che lo aiuta a respirare.

No. È a casa sua senza alcun dispositivo di tracciamento. Con la concreta possibilità che possa andarsene dove vuole”.

La vicenda

Il delitto risale al 5 settembre 2019. Secondo quanto raccolto dalle autorità, il tragico gesto è avvenuto in tarda serata, dopo che la coppia era tornata da una gita al lago sfociata in un litigio. Secondo la ricostruzione dei Ris, Manfrini, in un impeto di rabbia, avrebbe scaraventato la donna contro gli alberi, picchiata, morsa in faccia e seviziata.

Mia sorella ha sofferto due ore e mezza, torturata, seviziata, cannibalizzata” ha detto a Chi l’ha visto, Erika Perrone giorni dopo l’accaduto, chiedendo che il responsabile sconatsse la sua pena in carcere. Marco Manfrini in passato era già stato condannato per violenza sessuale, lesioni e minacce nei confronti della sua ex convivente.

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Lina
8 Maggio 2020 13:07

Sto seguendo il çaso e posso commentare…Prima di scrivere certe cose come …condannato etc…aspetterei il processo per dirlo …solo dopo se é…lo si può chiamare cosi…
Siamo equi nel scrivere…


Contatti:
Marco Alborghetti

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.