×

I tamponi senza reagenti non servono: la denuncia dei medici

Condividi su Facebook

Coronavirus, i tamponi sono arrivati ma a mancare continuano a essere i reagenti. La denuncia dei medici: "Così è tutto inutile".

coronavirus-tamponi-reagenti
Coronavirus, i tamponi senza reagenti sono inutili

I tamponi senza reagenti non servono. Sebbene sia aumentato – con un rifornimento di oltre tre milioni – il numero di tamponi, a mancare continuano a essere i reagenti. La denuncia arriva sia dai medici che da fonti governative. “Si sta lavorando per l’approvvigionamento dei reagenti perché se dobbiamo arrivare a 5 milioni di tamponi nei prossimi mesi, puoi avere tampone, il bastoncino, ma se non hai il reagente non ci fai nulla”.

Lo ha detto il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri. “Il totale del materiale consegnato per fare i tamponi è circa 3 milioni e 700mila pezzi. Come giustamente evidenziato dal prof. Crisanti, in questi 3,7 milioni ci sono i bastoncini per fare la campionatura nel naso o in gola. I tamponi consegnati sono stati 2 milioni e mezzo. In alcuni casi i reagenti non sono stati consegnati e c’è stato un approvvigionamento locale da parte delle regioni.

È il problema principale, perché il tampone lo consegni ma se non c’è il reagente è come non averlo“.

I tamponi senza reagenti non servono

Come riferito da Il Post, Invitalia – l’azienda che si sta occupando del rifornimento – non può inviare gli stessi reagenti a ogni laboratorio di analisi poiché ognuno ha i propri macchinari, e a macchinari diversi corrispondono reagenti chimici diversi: “Di fatto gli approvvigionamenti sono di competenza regionale, perché è complicato comprare reagenti a livello nazionale per ogni macchinario diverso”.

Gli approvvigionamenti scarseggiano a livello internazionale, e le regioni stanno avendo grandi difficoltà a procurarsi quelli necessari. A mancare, nello specifico, sono prevalentemente i reagenti di estrazione.



La mancanza di reagenti, comunque, non è l’unico limite nel fare più tamponi: nei laboratori che li analizzano manca anche il personale per aumentare di molto la quantità di test elaborati, che deve avere almeno in parte una formazione specifica.

Ci sono poi anche limiti di strumentazioni: acquistare nuovi macchinari è diventato molto complicato, perché sono perlopiù prodotti all’estero e quindi vengono venduti prioritariamente nei paesi di produzione, nonostante la grandissima richiesta internazionale.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.