×

Vittorio Sgarbi: “Silvia Romano va arrestata se non si pente”

Il deputato Vittorio Sgarbi non usa mezze misure nel commentare la liberazione di Silvia Romano: "O si pente o va arrestata".

vittorio-sgarbi-silvia-romano-arresto
Vittorio Sgarbi vuole l'arresto di Silvia Romano se non si pente

È intervenuto anche il deputato e critico d’arte Vittorio Sgarbi sulla liberazione di Silvia Romano. La giovane cooperante, tornata in Italia dopo 18 mesi di prigionia, sta subendo diversi attacchi a causa della sua ammissione circa la conversione alla religione islamica.

La giovane ragazza ha ammesso di aver fatto questo passaggio in piena coscienza e di sua spontanea volontà. Sul tema se ne occuperanno gli esperti che la seguiranno, a livello psicologico, nel corso di questi mesi. Ma la liberazione di Silvia Romano è anche un pretesto da dibattito politico. E le posizioni di alcuni personaggi sono chiarissime: non solo Vittorio Feltri e Alessandro Sallusti, con le prime pagine di Libero e Il Giornale; anche Vittorio Sgarbi evidenzia la volontà di Silvia Romano di abbracciare una religione diversa da quella cattolica.

Vittorio Sgarbi: “Arrestare Silvia Romano”

Vittorio Sgarbi, sul proprio profilo Facebook, nella serata di domenica 10 maggio ha commentato così la liberazione di Silvia Romano e le dichiarazioni, di quest’ultima, dopo quattro ore di interrogatorio dinnanzi ai Pm di Roma.

“Silvia Romano va arrestata – scrive Sgarbi sui social network -. Se mafia e terrorismo sono analoghi e rappresentano la guerra allo Stato, e se Silvia Romano è radicalmente convertita all’Islam, va arrestata (in Italia è comunque agli arresti domiciliari) per concorso esterno in associazione terroristica. O si pente o è complice dei terroristi”.

Tanti commenti al post di Vittorio Sgarbi. A far discutere è anche quello di Andrea Scanzi, giornalista e blogger. Di risposta al critico d’arte ha detto: “Quando l’arteriosclerosi arriva, non ha pietà. Arrestate Vittorio Sgarbi, o quel che ne resta. È moralmente oltre ogni vomito”.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:
11 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
dellelmodiscipio
11 Maggio 2020 09:43

Le leggi europee rinchiudono chi sostiene l’ANTISEMITISMO. Sgarbi magari potrebbe ottenere gli arresti domiciliari, in grazia dell’età e sfruttarli leggendo il Corano scoprendo che è una religione che predica il RISPETTO e la lealtà verso il prossimo, a differenza del Vangelo che predica l’AMORE, e a differenza della TORA’ che predica il POSSESSO.

G. Pietro
12 Maggio 2020 09:21
Risponde a  dellelmodiscipio

Mi fai accapponare la pelle!!! Viva Sgarbi sempre!

Rita vitaioli
11 Maggio 2020 13:01

In questo caso…il ragionamento di Sgarbi non fa una piega!!!!la penso come lui!!!!!

Fantapolitik
11 Maggio 2020 13:57

Scanzi chi?Non e’ uno dei Centri Sociali ex Br?

Claudio
11 Maggio 2020 14:17

Ha ragione sotto ogni punto di vista Vittorio Sgarbi. Il terrorismo uccide in ogni dove, odia i cattolici, non vedo dunque perché si sia dovuto pagare per una che a mio avviso li ci stava alla grande, tant’è che si è convertita alla loro religione. Vittorio ti ammiro perché a differenza di molti nostri illustri politici o giornalisti, dici sempre quello che pensi, e quello che pensi è sempre verità.

Barone Mariella
11 Maggio 2020 23:20
Risponde a  Claudio

Condivido pienamente!! Sono convinta che qui c’è sotto qualcosa !!!?

Barone Mariella
11 Maggio 2020 23:13

Sgarbi ha ragione ,questa si è convertita all’Islam quindi l’Italia non aveva nessun dovere verso di lei per farla tornare in Italia tanto più che li ,come ha detto lei stessa stava bene .Perché il governo italiano ha impiegato tutti questi soldi per una persona che non c’entra più con noi?In Italia ci sono persone che non hanno più un centesimo per fare la spesa ,persone che si uccidono per la disperazione ,piccoli imprenditori che stanno licenziando padri di famiglia perché falliscono .Ecc…E lo stato cosa fa ?Regala un sacco di euro all’Islam ,una nazione che si è sempre dimostrata… Leggi il resto »

Roberto Giocoli
12 Maggio 2020 00:25

https://www.difesaonline.it/geopolitica/analisi/la-contropartita-geopolitica-la-liberazione-di-silvia-romano

Alba Baeli
12 Maggio 2020 16:02

Queste persone sono fuori controllo. Come si fa a giudicare un persona che è stata nelle mani di personaggi pericolosi e imprevedibili! Come si fa a chiedere a questa ragazza di pentirsi,ma poi di cosa?Sono solo il risultato della decadenza della ” cultura” in Italia, del pensiero retrivo di alcuni personaggi che credono di poter decidere come devono comportarsi quelli, spero siano molti,che sono già lontanissimi da loro.

Rocco
12 Maggio 2020 16:22

dellelmodiscipio, se per te una religione che prevede lo sterminio dei miscredenti e’ una religione di pace e d’more, sei messo malissimo. Ti ricordo che l’unione europea a paragonato l’islam al nazismo.Fatti curare.

salvatore battaglia
13 Maggio 2020 09:23

silvia è libera di professara la religione diverasa dal cattolicesimo


Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora