×

Contagio in azienda è “infortunio sul lavoro”, datore rischia penale

Condividi su Facebook

Processo penale per "infortunio sul lavoro" in caso di contagio da coronavirus in azienda: cosa rischia il datore di lavoro.

Contagio in azienda è "infortunio sul lavoro", datore rischia penale
Contagio in azienda è "infortunio sul lavoro", datore rischia penale

Il contagio da coronavirus in azienda è paragonabile a un infortunio sul lavoro. Per questo il datore di lavoro rischia il processo penale. Non solo se non ha rispettato le regole di sicurezza sul posto di lavoro, ma anche se è stato ligio nell’applicarle.

Questo rischio potrebbe disincentivare piccole e medie imprese a riaprire.

Il contagio in azienda è “infortunio sul lavoro”

L’equiparazione fatta dall’articolo 42 del D.L. n. 18/2020 tra infortunio sul lavoro e contagio da Covid-19 potrebbe portare al coinvolgimento dell’imprenditore sul piano penale per i reati di lesioni o di omicidio colposo, nel caso di decesso del dipendente.

Questo però non avverrebbe solo in caso di negligenza del datore nel rispettare le regole di sicurezza per limitare i contagi, ma anche in caso di corretto adempimento delle regole.

Questa mancanza di distinzione è anche accompagnata dall’impossibilità di stabilire con sicurezza dove è avvenuto il contagio. Infatti, il lavoratore potrebbe prendere il coronavirus al lavoro, ma non solo. In assenza di un’app di contact tracing che aiuti a monitorare i contatti delle persone potenzialmente positive, questo punto resta una criticità da risolvere.


I consulenti del lavoro stanno proponendo una norma che escluda la responsabilità del datore del lavoro qualora abbia messo in condizione di sicurezza i suoi lavoratori. I consulenti propongono agevolazioni, come gli scudi penali, che possano coprire le spese della messa in sicurezza dei luoghi di lavoro e del loro mantenimento, come sanificazione, rifornimento di dispositivi di sicurezza per i dipendenti etc.

Il rischio altrimenti è che milioni di aziende non possano reggere i costi delle misure anti-contagio oppure che vengano schiacciate dalle sanzione per mancato adempimento delle misure.

Nata in provincia di Monza, classe 1994, laureata in Editoria, Culture della Comunicazione e della Moda presso l'Università Statale di Milano. Precedentemente direttore di Vulcano Statale e collaboratore di Teatro.it. Adesso collabora con Notizie.it


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Sheila Khan

Nata in provincia di Monza, classe 1994, laureata in Editoria, Culture della Comunicazione e della Moda presso l'Università Statale di Milano. Precedentemente direttore di Vulcano Statale e collaboratore di Teatro.it. Adesso collabora con Notizie.it

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.