×

Wanda, morta in ospedale: “Legata a letto e imbottita di morfina”

Condividi su Facebook

Il drammatico racconto del figlio Piero: la mamma, positiva al Coronavirus, è stata ricoverata. "Così mia madre è morta in ospedale".

coronavirus-wanda-morfina
Coronavirus, Wanda curata con morfina e ansiolitici: la denuncia del figlio Piero

Wanda, positiva al Coronavirus, imbottita di morfina e legata a letto, è morta in ospedale. Questa è la denuncia del figlio Piero che da settimane non riesce più a darsi pace. La drammatica denuncia arriva da Tpi. Il figlio racconta quanto accaduto alla povera mamma nel corso delle prime due settimane di aprile. “L’hanno imbottita di morfina, ansiolitici, antipsicotici, antidepressivi, altri oppiacei fino a quando il suo cuore ha ceduto. Tutto questo solo perché non sopportava il casco”. Piero, 43 anni, racconta come la mamma di Ariano Arpino sia stata: “Immobilizzata anche alle braccia e alle gambe, come se fosse una criminale forzuta, invece pesava 58 kg ed era alta 160 cm.

Non mi hanno mai detto niente. Niente. E soprattutto mai che stavano praticando l’eutanasia, perché questa è! Poi se vogliamo chiamarla cura palliativa, che accompagna il paziente alla morte, la sostanza non cambia. Capisce?!”.

Coronavirus, Wanda ‘curata’ con morfina

Wanda, 75 anni, aveva solo un po’ di diabete e viveva tranquillamente con un rene solo (l’altro le era stato asportato anni prima a causa di un cancro in età giovanile). Quando si è ammalata di Coronavirus è stata ricoverata in ospedale. Aveva saturazione a 88 e stava per svenire. Il figlio Piero, però, evidenzia come sia stata trattata, nel ricovero, come una paziente da Coronavirus ma non nelle cure: “Dopo i primi giorni aveva la saturazione a 99, perché la tenevano con il casco?”.

E proprio questo strumento che aiuta la ventilazione ha causato gli attacchi di panico in Wanda: la donna non sopportava questo ausilio e se lo toglieva. Ciò ha spinto il personale sanitario a ricorrere a provvedimenti ‘drastici’: sedata con morfina e legata a letto. Questa la denuncia del figlio Piero.



“Mia madre è morta da sola, tra atroci sofferenze. Chissà quante volte avrà gridato il mio nome, per portarla via da lì. Non l’ho potuta salutare, darle un bacio. Nemmeno vestirla, pettinarla. L’hanno avvolta in un nailon con il pigiama addosso, con soluzione di varichina nel sacco”, racconta disperato Piero.

Wanda, dopo cocktail di morfina, ansiolitici e antidepressivi era confusa. Così racconta il figlio: “Il 12 aprile vedo mia mamma in videochiamata. Era stordita. Rallentata. Chiedevo spiegazioni, mi dicevano che la situazione era critica visto che non sopportava il casco e che l’avrebbero trasferita nel reparto di Pneumologia e malattie infettive”. La donna, per giorni, ha la saturazione a 99 e nessun altro problema fisico se non un po’ di glicemia alta: “Ma non capisco tutte quelle somministrazioni infinite di morfine e sedativi senza l’ombra di una terapia anti Covid. Un altro genere di malato mi verrebbe da dire leggendo le pagine stilate da infermieri e medici”.

Lo sfogo di Piero

Il 15 aprile – giorno prima della morte di Wanda – la donna si agita e come riportato dalle cartelle cliniche costringe gli operatori sanitari a immobilizzare braccia e gambe per tre volte, come risulta dal referto clinico. Secondo il personale sanitario, quel gridare nella notte era il sintomo di un “delirio acuto a tratti allucinatorio” della donna.

Il giorno dopo Wanda smette di lottare. E Piero continua nel suo accorato grido disperato: “L’unica colpa che ha avuto mia mamma è che non sopportava il casco. Non tollerare i presidi medici molto invasivi, (che fanno urlare i giovani figurarsi lei che soffriva di ansia) è una giustificazione per attuare il protocollo di cure palliative?”.

Matteo Stocco, dg della Ast “Santi Paolo e Carlo” di Milano, ha precisato come i medici: “Abbiano assistito molti pazienti affetti da Covid, alcuni dei quali, con prognosi infausta e non più responsivi ai trattamenti specifici, hanno potuto beneficiare delle cure palliative. I protocolli clinici utilizzati sono stati quelli comunemente utilizzati e raccomandati dalle Società scientifiche e dalle Linee guida nazionali ed internazionali”.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:

3
Scrivi un commento

1000
3 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
3 Commentatori
più recenti più vecchi
dellelmodiscipio

Non potevano intubarla, di grazia? Troppo anziana? Troppo anziani i medici?
Sprovvisti di respiratori o sprovveduti? Oppure un caso insolito, o magari IL CASO beffardo e crudele?

Maurizio la Malfa

buongiorno bell’articolo ok, ma io sinceramente il video di quello li che si mette il braccialetto proprio in questo art. non lo avrei messo non ha senso denunciare un “reato” per poi trovarsi sulla stessa pagina e articolo uno che sponsorizza il braccialetto , se lo mettesse lui !!

Sabina

A mia madre e successa più o meno la stessa cosa ricoverata il 31 marzo a detta della rsa x scrupolo ma l ospedale mi dice che le condizioni sono irreversibili e trattata con morfina affinché non soffra .muore il giorno dopo sola.non so come Asia stata trattata ho visto solo una bara chiusa.sono in cura col medico non dormo non riesco più a vivere normalmente me l hanno portata via così senza un saluto un ultimo abbraccio.chi li ha autorizzati.con lei hanno ucciso una parte importante di me


Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.