×

Un papà è stato multato perché in bici col figlio senza mascherina

Condividi su Facebook

Un papà è stato multato dalla Polizia locale perché, in bici con il figlio su una pista deserta, non indossava la mascherina.

Papà multato in bici senza mascherina

Stava percorrendo la pista ciclabile deserta insieme al figlio di 4 anni quando le forze dell’ordine lo hanno multato comminandogli una sanzione di 400 euro perché non stava indossando la mascherina pur avendola comunque a portata di mano: è successo ad un papà in provincia di Vicenza.

Papà multato perché senza mascherina

A raccontare l’accaduto è lui stesso in un video condiviso su YouTube. Andrea Marchesan ha spiegato che l’11 maggio, intorno alle 14 e poco dopo che aveva smesso di piovere, aveva deciso di concedere al figlio qualche minuto di svago in bicicletta.

I due si trovavano in particolare nella zona industriale di Castegnero, nella pista ciclabile che collega la cittadina a Longare.

Una pattuglia della polizia locale li ha intravisti e dunque si è diretta verso di loro chiedendo i documenti. Non appena è stato fermato l’uomo ha subito indossato il dispositivo di protezione che teneva a portata di mano sul manubrio, pronto per essere usato all’occorrenza qualora avesse incrociato qualche persona.

Ma non c’è stato niente da fare.

Mi hanno fatto un verbale da 400 euro. Si parla tanto di buonsenso ma mi sembra che ora in Italia non ce ne sia“, ha affermato Andrea. Non appena saputo l’accaduto, l’associazione Codici Veneto è intervenuta a difesa del padre definendo l’episodio incredibile. “In un momento come questo non è possibile fare una multa ad un papà che andava in bici su una pista ciclabile deserta perché invece di indossare la mascherina la teneva sul manubrio“, ha sottolineato la responsabile.


Gli agenti non hanno infatti tenuto conto del fatto che avrebbe indossato la mascherina quando ce ne fosse stato bisogno: “L’importante era punire“.

Ora l’associazione si è messa a disposizione di Andrea ed è al lavoro con i legali per preparare il ricorso contro la sanzione.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:

2
Scrivi un commento

1000
2 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
2 Commentatori
più recenti più vecchi
elio

Agenti senza titolo di studio.

Emilio

basta con queste violenze nei confronti dei cittadini onesti! basta! basta! basta!!!


Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.