×

Massimo Galli: “Italia come la Cina, dichiara un decimo dei casi”

Condividi su Facebook

Per l'infettivologo Massimo Galli l'operato del governo è poco trasparente: "Così dichiariamo solo un decimo dei casi".

coronavirus-massimo-galli-dati-italia
La critica di Massimo Galli: "Italia? Con questa politica si scopre solo un decimo dei casi"

L’infettivologo Massimo Galli attacca l’operato del Governo italiano in merito al Coronavirus e ai dati dei contagi in Italia. In una lunga intervista concessa a Piazzapulita, lo studioso milanese evidenzia tutti quelli che sono i limiti della politica adottata dal Governo Conte in merito alla ‘campagna di tracciamento’ dei positivi.

Tant’è che Massimo Galli non lesina un paragone con quanto avvenuto in Cina nelle scorse settimane.

Coronavirus, Galli commenta i dati dell’Italia

L’infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano negli studi di La7 rivela come: “La Cina ha dato meno informazioni rispetto al numero effettivo di contagiati – spiega il responsabile del reparto Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano -, ma con la politica scellerata di fare solo tamponi solo su persone sintomatiche noi stiamo dichiarando al mondo probabilmente un decimo dei casi“.

“Le portate dell’epidemia in Lombardia e in Veneto sono assolutamente differenti. In Lombardia migliaia di casi e contagi nelle prime settimane in cui il virus ha potuto stare sotto traccia”.

E non mancano le critiche nei confronti della fase 2 voluta dal Governo Conte partita da giorno 18 maggio. Per Massimo Galli, infatti, l’Italia: “Ha obbligato i sospetti contagiati a stare in casa”, ma senza fare loro tamponi né diagnosi certe.

La denuncia di Massimo Galli riguarda la possibilità, per quest’ultimi, di poter uscire liberamente senza aver avuto alcun test. Perché dal lockdown a oggi i tamponi sono stati fatti solo ai soggetti sintomatici. Per l’infettivologo questa è assolutamente una bomba a orologeria che rischia di lasciare ingenti danni sanitari al Paese Italia.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.