×

Coronavirus, una variante meno potente isolata a Brescia

Condividi su Facebook

Isolata una variante di Coronavirus meno potente all'ospedale di Brescia. "Qualcosa sta cambiando".

coronavirus-variante-isolata
Coronavirus, variante isolata: è più debole

A Brescia isolata una variante “meno potente” di Coronavirus. È quanto registrato al laboratorio di Microbiologia dell’Asst Spedali Civili, diretto dal presidente della Società italiana di virologia Arnaldo Caruso. L’esperto rivela che: “Mentre i ceppi virali che siamo stati abituati a vedere in questi mesi, che abbiamo isolato e sequenziato, sono bombe biologiche capaci di sterminare le cellule bersaglio in 2-3 giorni, questa variante isolata per iniziare ad attaccarle ha bisogno minimo di 6 giorni”.


Si tratta di una notizia scientifica di forte rilevanza che troverà spazio anche sulle riviste specializzate. Caruso l’ha anticipata per poter dare un messaggio: “Di speranza. Da virologo queste varianti virali più attenuate dovrebbero diventare il futuro della probabile evoluzione di Covid-19”.

Una variante di Coronavirus più debole

Anche perché Caruso, direttore della Società italiana di virologia, è tra i sostenitori della tesi che il Coronavirus si sta indebolendo: “È tanto vero che sta perdendo forza — sottolinea Caruso — che ogni giorno vediamo tamponi naso-faringei positivi non più in modo forte, bensì debole”. Questa è la prova molecolare di infezioni molto leggere, quasi inapparenti: “Si vede il virus in dosi molto, molto ridotte”.

E Caruso rivela: “È successo però che mentre ultimamente arrivano tutti questi tamponi con bassa carica virale, ce ne è capitato uno con carica molto alta e la cosa ci ha stupito”.



Si trattava di un soggetto: “Completamente asintomatico. Siamo dunque andati a isolarne il virus, scoprendo che in coltura era estremamente più debole dei precedenti”.

Messo in vitro con cellule buone da aggredire, questa variante di Coronavirus non riusciva neanche a ucciderle tutte ma: “Per cominciare ad attaccarle necessitava di almeno 6 giorni”. Un lasso di tempo di gran lunga superiore alle 48-72 ore solitamente sufficienti ai classici ceppi per finire tutte le cellule a disposizione. “Non sappiamo ancora se e quanto circoli questa variante, né se sia geneticamente diversa dalle altre. Possiamo però dire che qualcosa sta succedendo”.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.