×

Moglie di Calenda: “Avevo tumore, fortuna avere famiglia”

Condividi su Facebook

Violante Guidotti racconta la sua battaglia contro il tumore ed il ruolo determinante che ha avuto la sua famiglia. Oggi vuole aiutare le donne.

moglie calenda tumore

La moglie di Calenda, Violante Guidotti si è ammalata di tumore. Grazie alla sua famiglia e gli amici è riuscita a superare la malattia. Oggi che il peggio è passato vuole aiutare chi si trova a dover combattere contro la malattia.

La moglie di Calenda: “Ho avuto il tumore”

Nel 2017 Violante Guidotti Bentivoglio, la moglie di Carlo Calenda, viene ricoverata per una leucemia ma scopre di avere un tumore al seno. Una donna brillante, con tre figli piccoli, un lavoro da manager della comunicazione finanziaria e moglie non si è arresa ed ha lottato fino al trapianto del midollo osseo. Fondamentale per il cammino verso la guarigione la sua famiglia che l’ha aiutata ad avere coraggio e non vergognarsi di nulla.

La mia fortuna è stata che Carlo e la la mia famiglia si sono ammalate con me – ha dichiarato Violante Guidotti-. Non succede sempre, perché la malattia è qualcosa di spaventoso non solo per chi la vive ma anche per chi ti sta accanto”.

Anche l’aiuto psicologico è determinante quando si affronta una malattia. Il marito di Violante, Carlo Calenda, non le permetteva di “lamentarsi“. “Sorvolo sui cambiamenti fisici che subisce qualunque malato oncologico – dice Violante Guidotti-.

Avere accanto chi riesce a guardare a te per quello che tu eri e a trattati per quello che tu eri, è importantissimo. Mio marito Carlo e mia madre quando mi lamentavo, perché stavo da cane, mi “proibivano di lagnarmi” mi intimavano di “tirarmi su”. Ogni tanto ci litigavo pure. “Voi non potete permettervi di arrabbiarvi con me perché non sapete quanto sto soffrendo” ribattevo. La malattia è come se ti sprofondasse in un buco nero e la famiglia è la carrucola che ti cala un gancio per tirarti su”.



Non solo la famiglia

Se è vero che la famiglia è stata fondamentale per il decorso della contro il tumore, non si deve sottovalutare il ruolo che hanno avuto anche le amiche con cui in determinanti momenti delicati si costruiscono ancora di più legami forti.

Sono persone a cui “raccontare come ti senti dopo aver fatto la chemio, che cosa vuol dire perdere i capelli, che cosa provi a vedere un seno stravolto dai punti dopo un intervento? Se non ci sei passato, per immedesimarsi in questa situazione ci vuole una intelligenza straordinaria”.

La luce in fondo al tunnel

Adesso, che il peggio è passato, Violante vuole aiutare tutte le donne a fare prevenzione, ad affrontare la malattia senza vergognarsene e cercare anche l’appoggio degli altri. “Il mio percorso sarebbe stato meno tormentato, se non avessi trascurato quei segnali? Non lo so, certo è che per i tumori del sangue, come la leucemia, non si può fare prevenzione – spiega la manager -.Per il tumore al seno, sì. Scoprire la patologia in fase precoce fa la differenza: aumenta le possibilità di guarigione, e permette di curarsi con terapie meno invasive”.

Vive a Castellammare di Stabia in provincia di Napoli. Ha una laurea in arti visive, musica e spettacolo, un master in giornalismo e comunicazione ed uno in organizzazione e promozione di Festival ed eventi musicali. Ha studiato canto e pianoforte, incidendo un album e partecipando a premi nazionali come il Premio Mia Martini. Appassionata di spettacolo, televisione e musica italiana, da anni segue il Festival di Sanremo nonché manifestazioni sul territorio concernenti le arti visive.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Annalibera Di Martino

Vive a Castellammare di Stabia in provincia di Napoli. Ha una laurea in arti visive, musica e spettacolo, un master in giornalismo e comunicazione ed uno in organizzazione e promozione di Festival ed eventi musicali. Ha studiato canto e pianoforte, incidendo un album e partecipando a premi nazionali come il Premio Mia Martini. Appassionata di spettacolo, televisione e musica italiana, da anni segue il Festival di Sanremo nonché manifestazioni sul territorio concernenti le arti visive.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.