×

Rivede la figlia in affidamento dopo mesi di lockdown

Condividi su Facebook

Rivede la figlia in affidamento dopo il lockdown, la storia di Sara che da mesi aspetta di poter incontrare la ragazza.

rivede figlia dopo lockdown

Dal 3 giugno, con l’inizio della fase 3 e la possibilità di potersi spostare da una regione all’altra, sono molte le persone che finalmente potranno rivedere i propri affetti rimasti lontani durante tutto il lunghissimo lockdown. A ricongiungersi sono le relazioni amorose a distanza, gli studenti e i lavoratori fuori sede con i propri cari e anche i genitori che hanno i figli minori in affido presso altre famiglie o ospitati da apposite strutture.

In questi giorni è infatti ripartito anche il settore dei servizi sociali che si occupa della gestione dei rapporti tra i minori e i loro genitori naturali e così anche Sara Crespi, una madre di Busto Arsizio con una figlia minorenne in affidamento da 10 anni, potrà rivederla dopo 4 mesi di lockdown. “Speravo di poterlo fare dal 4 maggio, essendo congiunti – ha detto la donna a Varese Newsma mi è stata negata questa possibilità.

Quanto dovrò aspettare ancora?”.

Rivede la figlia in affidamento dopo il lockdown

La figlia di Sara ha 17 anni e da 10 è sotto la tutela servizi sociali che l’hanno affidata ad un’altra famiglia.

Tra la ragazza e la madre naturale i rapporti sono comunque rimasti buoni, e hanno continuato a frequentarsi con regolarità. La pandemia ha però complicato tutto e neanche con l’inizio della fase 2, quella in cui si potevano incontrare i congiunti, era stato dato a Sara il permesso di incontrare la figlia. “Non c’era la sicurezza che madre e figlia non si abbracciassero – spiega l’assessore ai servizi sociali di Busto Arsizio Osvlado Attolini – ora, con il nuovo decreto, le maglie si sono allentate ulteriormente e sono nuovamente consentiti gli abbracci”.

Una tutela posta in essere per proteggere la famiglia affidataria da un eventuale contagio indiretto, malgrado Sara avesse fatto un test sierologico che però, stando a quanto le era stato riferito, “Non garantiva la sicurezza necessaria perchè non aveva gli anticorpi”.

Dopo tanta attesa ora però madre e figlia potranno rivedersi per la prima volta dopo il lockdown il prossimo 10 giugno, seguendo dunque il protocollo degli appuntamenti fissato dai servizi sociali.

Nato a Latina il 23/03/1991, é laureato in Economia e Marketing presso l'Università La Sapienza di Roma. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con diverse testate tra cui TGcom24 e IlGiornaleOff. Lavora come speaker a Radio Rock.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina il 23/03/1991, é laureato in Economia e Marketing presso l'Università La Sapienza di Roma. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con diverse testate tra cui TGcom24 e IlGiornaleOff. Lavora come speaker a Radio Rock.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.