×

La Sardegna riapre a tutti: via libera per navi e aerei

Tornano i trasporti in Sardegna dopo il blocco dovuto al Coronavirus: il MiT dà via libera ad aerei e navi.

riapertura-sardegna
Riapertura Sardegna: la nota del MiT

Riapertura Sardegna: via libera per aerei e navi. Tornano i trasporti per l’isola guidata dal Governatore Solinas. Contrariamente a quanto annunciato nei giorni scorsi, il Ministero dei Trasporti ha anticipato i tempi di una settimana garantendo non solo la continuità territoriale con l’isola sarda, ma anche i voli turistici.

Con un decreto firmato nella serata di giovedì 4 giugno, infatti, il Ministro dei Trasporti, Paola De Micheli, ha disposto che dalla data di venerdì 5 giugno siano operativi tutti i voli nazionali da e per la Sardegna, non solo quelli in continuità territoriale come previsto in un primo momento.

Operativi quindi tutti gli aeroporti. Stesso discorso per il trasporto marittimo: si viaggia su tutte le tratte e con tutte le compagnie che forniscono il servizio con la Sardegna.

Riapertura Sardegna: via libera a tutti

La decisione del Ministero dei Trasporti, in merito ai collegamenti con la Sardegna, è stata presa dopo aver valutato “il flusso di passeggeri dal 3 giugno, e considerata la presenza di collegamenti marittimi aggiuntivi anche su linee di traffico non soggette a onere di servizio pubblico e che operano a libera prestazione“.

Inoltre, il Governatore Solinas – nei giorni scorsi protagonista di querelle con il sindaco di Milano Beppe Sala – ha affermato di essere concorde con la scelta adottata dal MiT: “Non c’era più bisogno di una chiusura ostinata”.

Secondo l’ordinanza firmata dalla Regione Sardegna, chiunque arriverà sull’isola dovrà obbligatoriamente firmare un modulo. Fino al 12 giugno potrà essere compilato a bordo degli aerei e delle navi e consegnato a destinazione, mentre dalla data del 13 giugno dovrebbe essere operativa la app di Regione Sardegna. Inoltre, i passeggeri verranno sottoposti al rilievo della temperatura corporea ed eventualmente potranno dare il proprio consenso per l’indagine epidemiologica regionale.

Contents.media
Ultima ora