×

Per la Fondazione Gimbe le Regioni hanno fatto pochi tamponi

Condividi su Facebook

L'analisi della Fondazione Gimbe in merito ai tamponi effettuati dalle Regioni prende in esame i dati rilasciati dagli ospedali.

fondazione-gimbe-tamponi-regioni
Fondazione Gimbe: "Regioni fanno pochi tamponi"

Sono stati fatti pochi tamponi da parte delle singole Regioni: ad affermarlo è la Fondazione Gimbe in un report pubblicato giovedì 11 giugno in merito alla gestione Coronavirus da parte delle singole aree territoriali del Bel Paese. I dati, nello specifico, si riferiscono ai periodi che vanno sia dall’avvio della pandemia globale al 4 maggio, sia al periodo che riguarda la cosiddetta ‘fase 2’.

Per questo, Fondazione Gimbe evidenzia come: “Prima delle riaperture del 4 maggio e del 3 giugno le Regioni hanno fatto un numero basso di tamponi”. L’analisi è stata effettuata in base ai dati raccolti negli ospedali.

Fondazione Gimbe e i dati tamponi delle Regioni

Stando a quanto riferito da Nino Cartabellotta di Fondazione Gimbe, è emerso come il trend:Dei tamponi totali e di quelli diagnostici effettuati a partire dal 23 aprile, ed esaminato l’attitudine delle Regioni all’esecuzione dei tamponi diagnostici nelle ultime due settimane”.

Nello specifico, per quanto concerne il periodo che va dal 23 aprile al 10 giugno, si evidenzia un trend di tamponi totali in caduta libera, specie negli ultimi quattordici giorni: a giugno, finora, si registra un trend in regresso del 12%.

Per quanto concerne i tamponi diagnostici, il trend – secondo quanto evidenziato da Fondazione Gimbe – è crollato del 20,7% in prossimità delle riaperture del 4 maggio, per poi risalire e precipitare nuovamente del 18,1% in vista delle riaperture del 3 giugno.

Per quanto concerne le singole Regioni, Fondazione Gimbe riferisce: “L’incremento complessivo del 4,6% (+9.431) nella settimana 4-10 giugno, rispetto a quella precedente, non è il risultato di comportamenti omogenei su tutto il territorio nazionale: infatti, mentre 12 Regioni e Province Autonome fanno registrare un incremento assoluto dei tamponi diagnostici, nelle rimanenti 9 si attesta una ulteriore riduzione”.

La paura di Fondazione Gimbe

I timori di Cartabellotta della Fondazione Gimbe: “L’attività di testing, finalizzata all’identificazione dei nuovi casi, alla tracciatura dei contatti e a loro isolamento continua a non essere una priorità per molte Regioni: purtroppo, nella gestione di questa fase dell’epidemia, in particolare dove la diffusione del virus non sembra dare tregua, la strategia delle 3T non è adeguata”.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.